Cerca

Fine del sogno

Grillo agli onorevoli:
"Farò la black list di chi tiene i soldi"
...ma i parlamentari se ne fregano

Beppe Grillo

Grillo sul palco a Parma

 

di Ignazio Stagno

Beppe Grillo è arrivato a Montecitorio. La riunione con gli onorevoli a Cinque Stelle ha il sapore della resa dei conti. In senso letterale. Infatti si parla della cosa che sta più a cuore a tutti: soldi. Al centro della riunione infuocata c'è il dibattito sui rimborsi che arrivano nella busta paga dei deputati e sull'ammontare dello stipendio da parlamentare. Grillo non vuole sentire discussioni e come un leader di ferro chiarisce subito le idee ai grillini che lo ascoltano: "Noi faremo i nomi e cognomi di chi vuole trattenere i soldi dei rimborsi. Fanculo i soldi. Spero solo che non facciate la cresta sulle spese non rendicontate". 

I grillini vogliono i soldi - C'è aria di alta tensione. I grillini e la loro compattezza sembra vacillare proprio sul denaro. A quanto pare i parlamentari a Cinque Stelle non hanno per nulla intenzione di restituire le spese dei rimborsi come previsto dal non statuto. Grillo ha perso ormai il controllo del Movimento e soprattutto dei suoi eletti. Infatti deputati e senatori si sono organizzati con un referendum online per decidere se restituire i soldi oppure metterli nel portafoglio. Ebbene il 48 per cento di loro vuole tenere i soldi dei rimborsi per sè. Insomma i soldi fanno comodo e dopo il video messaggio lanciato su youtube in cui i parlamentari lamentano "fame e insonnia" per pasti magri e stanze dalle suore, il livello dello scontro tocca vette poco immaginabili due mesi fa. 

Le espulsioni non bastano - Il Movimento è spaccato in due. Grillo deve espellere almeno 80 dei suo parlamentari dal Movimento. I numeri e la forza del gruppo lo stanno schiacciando. Intanto il vicepresidente dell'assemblea siciliana, Antonio Venturino, è stato il primo ad essere espulso per non aver voluto restituire la somma eccedente i 2.500 euro di stipendi previsti dal M5S. Qualcuno tra gli onorevoli sapeva già come sarebbe andata a finire: "Si è capito quel che farà Grillo, metterà sul sito la lista di quelli che non restituiscono ciò che non è rendicontato. Una specie di black list dove nessuno di noi vorrebbe entrare", racconta un anonimo deputato a Cinque Stelle. 

Fine del sogno - Ormai il cerdo anti Casta dei grillini è tramontato. Beppe prova a minacciarli, a farli fuori, per non perdere l'appeal sull'elettorato. Ma la storia è chiara. I soldi piacciono pure ai grillini. La loro mestizia è finita il 25 febbraio. Beppe lo sa. Lui gira in Ferrari...

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • maxgarbo

    10 Maggio 2013 - 11:11

    male che vada si infilano nel gruppo misto e se ne fottono di Grillo.

    Report

    Rispondi

  • iuchi

    10 Maggio 2013 - 08:08

    Mi fanno tanto pena questi personaggi, sopratutto quando ho visto il loro video nel quale denunciano le loro precarietà pur coprendo alte cariche dello stato italiano. Tanta compassione mi hanno fatto che ho messo nel sito Porta Portese.it un annuncio perche desidero affittare solo a costoro il mio miniappartamento a Torvaianica Pomezia completo di mobili e giardino e a 150 materi dal mare a uno o più di questi onorevoli. Il costo è popolare €. 30,00 al giorno compresa colazione al Bar con cappuccino e cornetto + Tessera Pullman per andare e ritornare da Roma. Così si che risparmiano e vivono felicemente in un appartamento nuovo in un condominio. Spero che qualcuno di loro si faccia avanti per prendere l'appartamento in affitto!!!

    Report

    Rispondi

  • arwen

    09 Maggio 2013 - 19:07

    Democrazia interna........

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    09 Maggio 2013 - 19:07

    Non si è candidato, quindi non eletto. Ha chiesto un permesso speciale?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog