Cerca

E il guru vide le stelle

La lezione del guardaportone del Quirinale a Grillo: "Vai a fare il cafone altrove, vai a fare il paraculo in tv. E il comico abbozzò...

Il racconto del "custode" del Quirinale il giorno del consultazioni di Beppe con Napolitano

Beppe Grillo

Entrando dal portone del Quirinale per le consultazioni, Beppe Grillo ha trovato pane per i suoi denti: il guardaportone del palazzo che ospita il presidente della Repubblica. Davanti al quale l'irruento ledader del M5s pare abbia perso la parola. Il gustoso racconto è stato raccolto da Massimiliano Scafi, penna de Il Giornale

Gli avrei messo le mani addosso - "Grillo? Gli avrei messo le mani addosso", ha dichiarato l'omone. Grillo, sceso dalla macchina, si appresta ad entrare. Il guardaportone, ancora visibilmente contrariato, racconta dell'arroganza di Grillo: "Scusi, ho un appuntamento con il capo dello Stato", gli ha chiesto appena arrivato. E ai giornalisti: "Si paga per entrare?". Il guaradportone, dice Scafi, è ancora inferocito: "Bene – prosegue il racconto – io istintivamente l’avrei preso a schiaffi. Gli avrei detto: aho’ che voi? Che sei venuto a fa’? Cerchi rogna? A bello, nun poi venì fino quassù a prendere per i fondelli quelli che lavorano, solo per fare il paraculo davanti alla tv".

Vai a fare il cafone altrove - L'uomo dà poi una lezione di galateo istituzionale a Grillo che, fosse rimasto a sentirlo, difficilmente avrebbe dimenticato: "Gli avrei voluto spiegare che, comunque la si pensi, ci vuole rispetto per le istituzioni, che non sono le sue solo perché è andato bene alle elezioni, ma sono di tutti. Poi gli avrei ricordato che Roma ha visto di tutto, dai barbari alla papessa Giovanna, dai lanzichenecchi ai leghisti, ed è sopravvissuta bene. E anche questo palazzo non è stato costruito ieri. Per cui, il comico Grillo vada a fare il cafone altrove”. Tutte parole che, proprio per il rispetto che nutre per le istituzioni, l'uomo non è riuscito a riferire a Grillo. 

E Grillo ha abbozzato - Quindi, smorzando i toni ma mantenendo la sostanza, il guardaportone ha così redarguito Grillo: "L'Ho guardato dritto negli occhi e gli ho detto: signor Grillo, è venuto qui perché ce l’hanno mandato. Bene, ma ora è meglio che entri perché la stanno aspettando. Si accomodi, qualcuno le dirà cosa fare e dove parcheggiare. E ho accompagnato le parole con un ampio gesto del braccio”. L'uomo rievoca poi la reazione di Grillo: "Ha capito. Ha smesso di parlare ed è entrato a testa bassa e con la coda tra le gambe. Come si dice a Roma, ha fatto pippa. Insomma, ha dovuto abbozzare”. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pinturicchi

    13 Maggio 2013 - 19:07

    visto che l'avevano a portata di " mano" e di "piede " perchè il portiere non ne ha approfittato per soddisfare il desiderio di 10 milioni di italiani?

    Report

    Rispondi

  • folgore38

    13 Maggio 2013 - 15:03

    A me personalmente il CITTADINO (come dice lui)Grillo non mi piace.Eppero', se e' vero che il guardaportone del Quirinale ha avuto ,nei confronti di Grillo,un modo di educazione che lascia ammutoliti tutte le persone perbene che si sono avvicendate nei pressi.Con il suo comportamento,il guardaportone del Quirinale ha dimostrato di assere anche lui parte della CASTA sia pure come guardaportone del Quirinale e, dimostra di fregarsene altamente della funzione che svolge e di essere senza alcun dubbio un cafone nel senso lato della parola.

    Report

    Rispondi

  • aresfin

    aresfin

    13 Maggio 2013 - 15:03

    "Vai a fare il cafone altrove, vai a fare il paraculo in tv". Questo è quanto gli ha detto il guardaportone del Quirinale, ma è quello, o forse di peggio, che gli direbbero la stragrande maggioranza degli Italiani.-!!!

    Report

    Rispondi

  • iuchi

    13 Maggio 2013 - 14:02

    Basta un bravo guardaportone educato ma significativo e pronto, come Roma crea, per mettere a KO un buffone di corte che non sa fare altro che dire battute cretine anche la dove sono superflue.

    Report

    Rispondi

blog