Cerca

La favo-Letta

La supercazzola del governo
A Spineto zero risultati

L'esecutivo è uscito dalla due giorni in convento a mani vuote. E Letta è stato costretto a ridurre i punti dell'esecutivo da 16 a 4

La supercazzola del governo
A Spineto zero risultati

 

di Franco Bechis

La prova del nove è arrivata quando le agenzie di stampa hanno battuto l’unico retroscena dall’Abbazia di Spineto in grado di spiegare qualcosa di quel che era avvenuto. «Ogni ministro», scrivevano le agenzie, «deve avanzare proposte responsabili, che prevedano anche le necessarie coperture». E attribuivano queste parole a Fabrizio Saccomanni, ministro dell’Economia. Ci fidiamo delle agenzie di stampa, tanto più che il particolare non è stato smentito fino a tarda sera, e abbiamo la risposta sui risultati di due giorni di ameno ritiro spirituale dell’esecutivo nella provincia senese: zero. 

Venerdì scorso il consiglio dei ministri non è riuscito a varare il decreto legge annunciato sulla cassa integrazione e sul rinvio del pagamento della rata Imu di giugno sulla prima casa. Enrico Letta aveva tranquillizzato tutti: «La decisione politica è presa. Serve solo una settimana di tempo perché il ministro dell’Economia trovi le coperture». Spiegazione dietro le quinte: il povero Saccomanni era appena arrivato in un ministero dove dopo lustri era cambiato il capo di gabinetto e lo staff di vertice era appena arrivato, ovvio che abbiano bisogno di tempo per orientarsi. E come Saccomanni tutti i membri dell’esecutivo sono alle prime armi nell’incarico che hanno ricevuto: quindi non sanno nemmeno da che parte iniziare.


Leggi l'approfondimento su Libero 
in edicola martedì 14 maggio

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marila52

    14 Maggio 2013 - 18:06

    la copertura a tutti i problemi finanziari si trova togliendo 2 o 3 o4 zeri alle cifre da sborsare per tutti.naturalmente le cifre medie dei lavoratori a 1000 euro in media non vanno toccate ,le altre cifre si tagliano come anzi detto.sta a lor calcolare quanti zeri tagliare via a secondo delle esigenze e coperture.

    Report

    Rispondi

  • fossog

    14 Maggio 2013 - 14:02

    chissà quante tentazioni per questi neo DC. il problema è che affondiamo ogni giorno di più, ed è ora che anche gli ignoranti capiscano che votare ancora PD e PDL vuol dire votare dei 'PARTITI COVO' per le solite bestie che ci distruggono da decenni. Alle prox elezioni dobbiamo fare piazza pulita di questi ''cancri mortali''...

    Report

    Rispondi

  • encol

    14 Maggio 2013 - 14:02

    Hanno deciso di eliminare il finanziamento pubblico ai partiti cosa già decisa dal POPOLO con un referendum che i MAGNA-MAGNA in parlamento decisero di non osservare. In ogni caso NON hanno deciso la restituzione di quanto già ricevuto. Per tutto il resto poco o niente di fatto. Mah!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    14 Maggio 2013 - 14:02

    Le risoluzioni di tutti i nostri problemi sono di la da venire. Mesi di incontri, consulti, dibattiti, congressi, ritiri, mentre il malato sta morendo. Azioni immediate: nessuna.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog