Cerca

Vecchio vizio

Amato resta fedele alla casta,
va in aeroporto, salta la fila,

Nonostante sia solo il presidente della Treccani, a Fiumicino si comporta come fosse anche ministro

Giuliano Amato

Giuliano Amato

Casta dolce casta. Giuliano Amato per affogare le delusioni che il Palazzo gli ha regalato viaggia. Lui trombato tre volte, prima sul Colle, poi a palazzo Chigi, e infine in via xx settembre, ora si dedica allo svago per dimenticare chi lo ha fatto fuori. E allora capita di fare la valigia e di prendere un volo a Fiumicino. Secondo quanto riporta il sito Dagospia.com, più di un passeggero ha visto domenica scorsa il "Dottor Sottile" nello scalo della Capitale. Giuliano Amato, domenica alle 12,45 a Fiumicino, racconta Dagospia, è arrivato in aeroporto, ha percorso il salone a piedi ed è entrato attraverso il passaggio di imbarco riservato alle autorità sempre scortato da ben tre agenti in borghese. "Ma se l'unico suo incarico è quello di presiedere la Treccani e non ha alcun ruolo istituzionale perché una scorta di tale livello che neanche un ministro in carica?", si chiede Dagospia. E perché utilizza il passaggio di imbarco riservato alle autorità istituzionali e non fa la fila ai normali controlli? Ci chiediamo noi.

Fedele alla casta -  L'ex premier ormai è fuori dai giochi di palazzo. Eppure quel sano rapporto con la Casta non vuole tradirlo. Dopo essere stato trombato dalla sinsitra si è vendicato dicendo che "la classe politica attuale è ignorante perchè non legge nulla se non twitter". Amato stufo dei suoi nemici che hanno la tessera del Pd ha deciso di dire basta. Di prendere in mano la valigia, saltare probabilmente la coda, e partire per chissà dove. Se quello che racconta Dagospia fosse vero (non è giunta alcuna smentita finora), il Dottor Sottile ha lasciato Fiumicino con un pessimo messaggio da casta: io so io e voi, in fila, non siete...nessuno. (I.S.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gustavodatri

    28 Luglio 2013 - 18:06

    Come fanno a far parlare delle persone che si sono arricchite con la politica.Dovrebbero mandali in esilio.Gli italiani non ricordano quando il sig.Amato ha preso il 6 per mille su tutti i depositi italiani.Sig.Amato se Lei ha lavorato, ho lavorato anche io per 35 anni, riscuotendo una pensione di merda e per quale motivo Lei è diverso negli incassi Si dimetta e restituisca tutti i soldi che ha preso, spero che questo modo di vivere finisca a breve.

    Report

    Rispondi

  • mbotawy'

    17 Maggio 2013 - 17:05

    Cosi'sono i capataz e ex-capataz politici italiani. Pieni di presunzione, e di comportamento cafone. Criticati da noi italiani, e ridicolizzati dagli altri popoli.Questa piaga di ex-politici continuano a vivere a spese dello stato,sicuramente continuano a pesare sullo stato nel percepire pensioni,trasporti e protezione poliziale, vedi questo caso Amato....non certamente amato dal popolo italiano da loro ridotto in miseria.

    Report

    Rispondi

  • alejob

    16 Maggio 2013 - 18:06

    che in Italia non sia una persona che ha al giunzaglio " TRE-CANI" e dopo averlo azzannato per bene, non si faccia più sentire questo energumeno.

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    16 Maggio 2013 - 12:12

    randagio e rognoso; sei proprio un povero imbecille.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog