Cerca

Addio moderati

Scelta civica sta morendo: Montezemolo e Udc mollano Monti

Trenta parlamentari hanno firmato un documento di critica al Professore, pronti a formare gruppi autonomi. E anche Casini non ne può più

Luca Cordero di Montezemolo e Mario Monti

Luca Cordero di Montezemolo e Mario Monti

Big bang tra i moderati, Scelta civica sembra già un ricordo. Secondo indiscrezioni dai palazzi romani, Luca Cordero di Montezemolo sarebbe pronto a dire addio a Mario Monti, mentre l'Udc minaccerebbe la creazione di gruppi separati alla Camera e Senato. Secondo l'agenzia Agi 30 parlamentari hanno sottoscritto in questi giorni un documento per criticare le scelte dei vertici. E nel mirino c'è anche in questo caso il professore che, riferiscono fonti parlamentari, da un lato "si è disimpegnato dal partito e dall’altro ha portato avanti tutte le trattative sulle nomine". Giovedì assemblea di Scelta civica al calor bianco. A far rumore è anche lo strappo di Montezemolo, l'uomo che più di tutti nello scorso inverno si era adoperato per la discesa nell'agone elettorale dell'ex premier. Mister Italia futura, pur senza candidarsi né pretendere ruoli in eventuali governi, aveva ottenuto la nomina di Carlo Calenda nel ruolo di viceministro allo Sviluppo, di Pierpaolo Vargiu alla presidenza della Commissione Affari sociali della Camera e di Gianluca Susta diventato nuovo capogruppo al Senato. Troppo poco, sostengono i montezemoliani, vera ossatura di Scelta civica. E tra i ribelli vicini al presidente Ferrari c'è anche Andrea Romano, il primo a sottolineare come il partito sia senza sede e senza guida. 

Secondo fonti vicine ai firmatari del documento Monti avrebbe trattato per alcune nomine nel governo "senza tutelare tutte le aree". "Finora la priorità era il governo e l'agenda per il Paese, ora si cambia - assicura dal canto suo il Professore -. Adesso ci sarà una fase più attiva dal punto di vista del rilancio del partito, non c'è nessun atteggiamento liquidatorio". L'autodifesa di Monti però fa acqua, visto che lui per primo ha scelto di fare un passo indietro, senza avere incarichi né ruoli particolari all'interno di Scelta civica. Sobrietà, l'ha definita qualcuno. Delusione e sfiducia, ha ribattutto qualcun'altro. Di certo c'è che i rapporti con l'Udc e Pieferdinando Casini non sono mai stati idilliaci. All'assamblea di giovedì saranno presentate diverse mozioni e una delle richieste che verrà portata avanti è quella di riequilibrare il partito che in molti vedono oggi troppo spostato sul versante cattolico e poco incisivo, per esempio, sul fronte della Giustizia. Tra i più critici anche l'ex Pd Pietro Ichino. Come dire: Monti è circondato, e questa volta Beppe Grillo non c'entra.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gregio52

    15 Maggio 2013 - 14:02

    Montezzemolo, da buon Ferrarista, stattenete a alla Ferrari che è molto ma molto meglio. Casini qualsiasi spiaggia del mondo è pronta ad accoglierti per il resto della tua vita. Monti torna all'università anche se dubito che gli studenti da oggi in poi avranno grande stima nei tuoi riguardi.

    Report

    Rispondi

  • marco53

    15 Maggio 2013 - 12:12

    Tutti farabutti, da primo all'ultimo. Superstipendiati, parassiti e incapaci. Montezemolo, Casini, tutti gli altri lacchè di Monti, che lo avevano innalzato a salvatore della Patria, e adesso non condividono più niente! Maledetti...almeno abbiate il pudore e il coraggio di affondare assieme al lui, senza rinnegarlo!

    Report

    Rispondi

  • kIOWA

    15 Maggio 2013 - 11:11

    gli elettori Si!I loro dirigenti Pierfurby in testa,vadano all'inferno:

    Report

    Rispondi

  • 44carlomaria

    15 Maggio 2013 - 10:10

    Prima cosa buona si è suicidato politicamente. Seconda ha suicidato PierFurby Casini. Riposino non in pace! Asvedommia

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog