Cerca

Non lascia, raddoppia

Immigrazione, altra bomba di Emma Bonino su Matteo Renzi: "Vi rivelo la sua menzogna"

2
Emma Bonino

Può piacere o no, ma Emma Bonino ha una grande esperienza di politica internazionale. Ministro degli Esteri nel governo di Enrico Letta, nel secondo governo Prodi era stata ministro del Commercio internazionale e delle politiche europee. Come dirigente radicale, poi, ha combattuto per anni all’Onu contro le mutilazioni genitali femminili. E conosce bene gli organismi sovranazionali, essendo stata Commissario europeo per gli Aiuti umanitari. Non può essere accusata di ostilità nei confronti del Pd, che l’ha candidata nelle sue liste in Parlamento, dopo averla sostenuta nei diversi ruoli di ministro nei governi di centrosinistra e come candidato alla presidenza del Lazio. Ecco perché quando Bonino ha accusato Matteo Renzi di essere corresponsabile dell’impennata degli sbarchi e della pressione dei richiedenti asilo sull’Italia, è scoppiato il caso. «Abbiamo chiesto noi di occuparci dei migranti», aveva detto. Il leader Pd nega. Ancora ieri, quando, su Facebook, tale Patrizia Moscatelli, gli ha chiesto sul suo profilo se fosse «vera la storia che ha detto la Bonino sugli immigrati?», l’ex premier ha risposto secco: «Ovviamente no». L’ex ministro degli Esteri, però, abituata a ben altre battaglie, non si è tirata indietro.

«Non capisco le polemiche, manco avessi rivelato un segreto di Stato... Forse i parlamentari, o Matteo Renzi o qualcuno deve essersi distratto», ha detto a margine di una iniziativa dei Radicali a Roma. «Il Comitato Schengen ha discusso del protocollo Triton, come dice anche la presidente Laura Ravetto», ha aggiunto. «È stato fatto quell’accordo che prevede che è l’Italia che coordina tutta l’operazione e che tutti devono sbarcare in Italia». Ha spiegato di avere trovato strana, già allora, quell’intesa. Perché «vuol dire una violazione di regole: una barca spagnola che batte bandiera spagnola, come noto dalla convenzione del mare, è territorio spagnolo, quindi quelli che vengono salvati su una nave spagnola» dovrebbero avere come «primo paese di ingresso la Spagna». Perciò, «sono pregati in teoria di portarli in Spagna». E invece no: «L’accordo scrive che devono essere tutti portati in Italia».

Anche la forzista Laura Ravetto ha smontato la versione di Renzi. «La sottoscritta sin dal 2014 ha criticato apertamente la scelta del governo di derogare al principio della “nave di bandiera” nell’ambito dell’operazione Triton/Sophia», ha ricordato. Da quel dì, il governo avrebbe potuto scegliere una strada diversa. L’attuale segretario del Pd è stato premier dal 22 febbraio 2014 al 12 dicembre 2016. «Renzi non può certo far finta di essere estraneo a tutto questo in quanto era premier durante Triton/Sophia e oggi è segretario del Pd».

Il capogruppo di Fi, Renato Brunetta, ha accusato l’ex premier di avere «svenduto nel biennio 2014-2015 l’Italia all’Ue con il solo scopo di avere mani libere nel fare deficit per comprarsi il consenso». Brunetta chiederà al ministro dell’Interno, Marco Minniti, di rendere «noti i contenuti degli accordi». Anche Silvio Berlusconi è intervenuto: «Fino al 2011 avevamo azzerato gli sbarchi, da quando abbiamo lasciato il governo è un disastro. La migrazione va fermata, dobbiamo imporre all’Ue di bloccare con accordi gli scafisti alla partenza», ha detto.

di Elisa Calessi

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Satanasso

    11 Luglio 2017 - 08:08

    Non "frusciatevi" ( illudetevi in lingua campana)...Sinistra e destra sono uguali ! entrambi sono stati al potere e non hanno fatto nulla. Da cio' si evince che l'unico modo per sovvertire il disastro, è solo uno...un COLPO DI STATO ! Oh si combatte, altrimenti fra 5 anni al massimo gli arabi che sono qui' scateneranno la guerra totale all'Italia per islamizzarla.

    Report

    Rispondi

    • lattaro1939

      20 Luglio 2017 - 14:02

      Bravo anzi bravissimo

      Report

      Rispondi

media