Cerca

I diritti degli omosessuali

Boldrini, una legge contro l'omofobia
e per riconoscere le unioni gay

La presidente della Camera ha sottolineato che "riconoscere diritti a chi non ne ha non significa toglierne ad altri"

Laura Boldrini, presidente della Camera

Laura Boldrini, presidente della Camera

Riconoscere i diritti degli omosessuali, a partire dalle unioni giuridiche, per contrapporsi a violenze e discriminazioni. E' l'indicazione che dà la presidente della Camera, Laura Boldrini, intervenendo al palazzo della Minerva a Roma, assieme al presidente del Senato Pietro Grasso e al ministro per le Pari opportunità Josefa Idem, alla celebrazione della Giornata mondiale contro l'omofobia. "In altri paesi europei erano i leader politici a portare avanti le battaglie per l'avanzamento dei diritti, adesso in Italia sembra accadere il contrario: mentre la diversità di orientamento sessuale è ormai largamente accettata, il mondo politico è rimasto indietro", ha detto la Boldrini. "Gli omosessuali devono veder riconosciute giuridicamente le loro unioni anche in Italia", ha aggiunto spiegando che il riconoscimento delle unioni omosessuali "avviene in 19 Paesi europei. E' l'Europa che ce lo chiede, non solo quindi in tema di rispetto di bilanci, ma sul versante dei diritti. Riconoscere diritti a chi non ne ha non significa toglierne ad altri", ha puntualizzato.

Una legge sull'omofobia - Boldrini ha poi parlato dell'omofobia: "Bisogna punire chi incita l'odio contro gli omosessuali e chi si macchia di violenze nei loro confronti", ha tuonato auspicando l'approvazione di una legge sull'omofobia: "Nella scorsa legislatura sono state presentate diverse proposte di legge per introdurre l'aggravante di omofobia nel codice pensale e per inserire l'omofobia tra le tipologie di discriminazione sanzionate dalla legge Mancino", ha ricordato. "Auspico che il Parlamento riprenda questo lavoro - ha aggiunto Boldrini - e lo porti finalmente a compimento. Mi adopererò nell'ambito dei miei poteri, perchè questo accada". "In Italia, a differenza della maggior parte dei paesi Ue", ha continuato la presidente della Camera, "la legge non prevede l'aggravante di omofobia per chi aggredisce o minaccia le persone lesbiche, gay, bisessuali e transgender o per chi incita all'odio nei loro confronti sul web. E' necessario condannare con fermezza ogni forma di intolleranza e di incitamento all'odio verso le persone omosessuali", considerando il fatto che "le aggressioni e le violenze, che sono in aumento, avvengono anche perchè è tuttora diffusa una cultura machista e omofoba che riduce le donne a oggetto e gli omosessuali a macchietta e a gruppo isolato, tollerato finchè non inizia a rivendicare i propri diritti". Per Boldrini, "bisogna punire chi incita all'odio contro gli omosessuali e chi si macchia di violenze nei loro confronti. Anche su questo fronte -osserva- dobbiamo recuperare un ritardo: nella maggior parte dei paesi europei ci sono leggi che prevedono sanzioni penali per chi commette violenze omofobe e introducono il movente omofobo quale circostanza aggravante e alcuni paesi condannano la discriminazione omofoba, in modo esplicito o implicito, persino nelle loro Costituzioni".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giaclibero

    05 Giugno 2013 - 21:09

    Auguro agli inqualificabili che parlano ancora di froci e vibratori di non trovarsi mai nella condizione di discriminato e non avere voce per pretendere i propri diritti. Se una coppia gay si assume le stesse responsabilità delle coppie etero, accetta i doveri del matrimonio, ha diritto anche ai diritti, il gay è cittadino italiano con tutti i diritti e doveri degli italiani, perciò è giusto il matrimonio gay con annessi diritti e doveri. Penso che i maschi che si lamentano per le rivendicazioni dei gay, lo fanno perché non vedono riconosciuti i loro diritti nei confronti delle donne, noi maschi siamo discriminati nei divorzi, costretti a mantenere le ex mogli e lasciare la casa di nostra proprietà, discriminati nel mantenere un rapporto coi figli, discriminati nelle pensioni (alle donne 5 anni prima con 6 anni di attesa di vita in più), nell'informazione sui suicidi, gli incidenti sul lavoro e tutto il mondo dello svantaggio maschile, è arrivato il momento di difendere noi stessi.

    Report

    Rispondi

  • emilioq

    18 Maggio 2013 - 08:08

    Farabutti, lavorate per le famiglie normali e non per i deviati! L'Italia normale sta morendo e questi lavorano per questi froci schifosi.....lavorate, lavorate e smettetela di rubarci i soldi!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • blu_ing

    17 Maggio 2013 - 19:07

    si riconoscimo i diritti dei gay...prego ! infiliamo a tutti loro un bel vibratore nel culo! cosi sono piu' contenti!

    Report

    Rispondi

  • cornacchia46

    17 Maggio 2013 - 19:07

    Gli omosessuali continueranno a rompere le p.alle con il matrimonio gay, finché ci sarà gente che li discrimina. Ricosceteli come persone NORMALI (cioé con la stessa dignità e libertà di tutti) e vedrete che il problema finirà li.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog