Cerca

Rottamatore di affari

Renzi boicotta il gelato
e fa perdere soldi a Firenze

Il festival doveva durare 10 giorni, ma il sindaco cambia idea: "Tre bastano, ci sono troppi turisti". L'organizzatore: "Buttiamo via contratti milionari"

Matteo Renzi

Matteo Renzi

 

 

di Attilio Barbieri

Gelato amaro per Firenze. Attorno alla kermesse che ha per protagonista l’alimento estivo per eccellenza si è scatenata una bagarre. Il Firenze gelato festival, giunto alla quarta edizione doveva  iniziare ieri e chiudersi l’ultima domenica di maggio, il 26 per la precisione. Così non sarà perché il sindaco Matteo Renzi ha imposto di ridurre la durata da 10 giorni a tre. Il rottamatore della sinistra rischia così di rottamare un evento che per la città rappresenta un’occasione di promozione ma anche di business. Secondo gli organizzatori del salone le commesse per l’allestimento e la gestione della fiera sono arrivate a 500mila euro. Senza contare l’indotto turistico in senso stretto con lavoro per tutti gli  esercizi pubblici, a cominciare da alberghi e ristoranti, legato ai 400mila visitatori attesi quest’anno. Su 10 giorni di salone però: con la riduzione a tre imposta da Renzi, infatti, l’evento rischia di sgonfiarsi. E con esso il giro d’affari per organizzatori e città.

 Un conto è il business degli imprenditori che organizzano la manifestazione, un altro la promozione della città, spiega così  il quotidiano La Nazione la scelta del primo cittadino. Finito in rotta di collisione   con l’organizzazione  che ha  firmato da tempo contratti con aziende partecipanti e sponsor e aveva già stampato ed esposto manifesti e striscioni. Comprensibile il timore che il «cambio di programma» dell’ultimo minuto imposto dal sindaco comporti la rottura dei contratti con possibili richieste di risarcimento da parte degli espositori. L’affluenza assicurata da soli tre giorni di apertura per molti significherebbe non pareggiare nemmeno i costi. 

Troppi turisti in centro: sarebbe questa la motivazione che ha  addotto Renzi per tagliare il calendario del Gelato festival. Le location scelte dagli organizzatori, vale a dire piazza Santa Maria Novella, piazza della Repubblica e piazza Strozzi, sono troppo centrali. Si rischia l’invasione. L’alternativa era il Parco delle Cascine (ma se ne parlò per l’edizione del 2011 e poi più), oppure lo spostamento in un periodo morto per il turismo. I mesi di novembre e febbraio, ad esempio che tuttavia sarebbero  scoraggianti per appassionati, mastri gelatai e imprese produttrici. Non parliamo dei visitatori. A differenza di quanto accade in altri Paesi, da noi l’industria gelatiera va in letargo in autunno per risvegliarsi a primavera inoltrata. 

Ma sono i tempi a rendere surreale l’intera vicenda, come spiega a Libero Gabriele Poli, ideatore del Firenze gelato festival e leader dei giovani industriali fiorentini. «Come sempre accade con queste manifestazioni, la delibera con  il disco verde definitivo arriva a ridosso dell’evento. E la riunione di giunta con all’ordine del giorno l’ok era fissata per venerdì 10 maggio. Ma il voto è saltato e la delibera rinviata a martedì scorso». Quando è arrivata la doccia fredda: non più dieci giorni ma tre. «Pensi», spiega Poli, «che abbiamo il vincolo a smontare tutto entro martedì prossimo. Poi saremmo abusivi. E dire  che solo le commesse per la manifestazione sono arrivate a mezzo milione di euro, mentre secondo uno studio condotto da un’agenzia specializzata, il ritorno per la città di Firenze è quantificabile in un milione e 300mila euro».

E ora? Difficile dire come possa concludersi quella che da kermesse del gelato rischia di trasformarsi in una sfida a colpi di carte bollate. Poli ha annunciato che impugnerà la delibera di Palazzo Vecchio. I margini ci sarebbero tutti. «Nella premessa alla delibera votata martedì», aggiunge, «si parlava di un  evento di grande valore e grande interesse socio culturale, capace di valorizzare l’indotto. Ma siccome ci sono troppi turisti il programma viene tagliato di sette giorni. Pazzesco».

Le prossime ore saranno   decisive. Ieri le piazze del centro erano gremite di appassionati e curiosi attratti dell’opera di artigiani del gusto arrivati da ogni parte del mondo. C’è da augurarsi che il gelato quest’anno non si riveli  amaro per la città dei Medici.

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • paolo27

    18 Maggio 2013 - 21:09

    In quest'articolo non si dice una cosa importante: in ogni grande città italiana (Milano, Roma, Torino etc) il Festival del gelato dura 3 giorni; solo a Firenze l'anno scorso è durato 10 giorni. Era abbastanza prevedibile che la cosa non potesse continuare, soprattutto in una città come Firenze che in questo periodo ha il centro invaso da turisti

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    18 Maggio 2013 - 18:06

    Una persona di cui mi sarei potuto fidare e dare il voto. OGGI NON PIU'. UGUALE A TUTTI GLI ALTRI SE NON PEGGIO.

    Report

    Rispondi

  • marystip

    18 Maggio 2013 - 12:12

    Un farfarello, solo un farfarello. Meglio di un comunista ma pur sempre un farfarello.

    Report

    Rispondi

  • futuro libero

    18 Maggio 2013 - 12:12

    la penso proprio come te,anch'io pensavo che fosse davvero una persona nuova,poi che delusione,avrebbe potuto cambiare la politica ma le capacità erano solo parole e grande fumo.Renzi e grillo due persone simili,due persone estremamente incapaci ma che riescono con la parola a confondere il cervello delle persone deluse ma fiduciose che il buono possa arrivare.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog