Cerca

Te la do io la casta

Grasso chiamato a testimoniare al processo sulla "trattativa": ma sono i giudici andare da lui

Spiega ai giornalisti: "Valuterà se farmi ascoltare nei palazzi del Senato". E aggiunge: "Magari nella Sala della Costituzione, averla a disposizione non fa male"

Pietro Grasso

Pietro Grasso

Il presidente del Senato Pietro Grasso si è già calato perfettamente nel suo nuovo ruolo istituzionale. Così, appesa al chiodo la toga, chiamato a deporre dalla procura di Palermo nel delicato processo sulla presunta trattativa Stato-mafia, ha subito approfittato delle prerogative che la carica che ricopre gli offre: "Potrei essere sentito magari nella Sala della Costituzione: consultarla non fa male, averla a disposizione non fa male". Insomma, di scendere a Palermo e farsi ascoltare non se ne parla. Meglio se sono i giudici ad andare da lui. Dopo aver annunciato in mondovisione il taglio del suo compenso con la sua omologa alla Camera Laura Boldrini, insomma, l'ex-procuratore nazionale antimafia ha scoperto che far parte della casta, in fondo, non è poi così male E infatti poco dopo precisa: "Naturalmente valuterò le prerogative che mi dà il mio ruolo di farmi ascoltare nei palazzi del Senato". Paura dell'aereo? No, è che lui è il presidente del Senato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog