Cerca

Doppia mossa

Berlusconi ineleggibile, Grillo incandidabile il piano del Pd per vincere le elezioni

Silvio Berlusconi e Beppe Grillo

Silvio Berlusconi e Beppe Grillo

Con due mosse il Partito democratico che crolla ogni giorno di più nei sondaggi vuole sbarazzarsi dei suoi due principali avversari politici: il Pdl e il Movimento 5 Stelle. Da un lato infatti vuole far fuori Beppe Grillo attraverso un disegno di legge per l'attuazione dell'articolo 49 della Costituzione che prevede che possano partecipare alle elezioni e ricevere contributi soltanto le associazioni con personalità giuridica e uno statuto pubblicato sulla Gazzetta ufficiale per garantire la trasparenza, dall'altro vuole eliminare politicamente Silvio Berlusconi appoggiando la mozione per l'ineleggibilità avanzata dai grillini basata sull'articolo 10 della legge 361/1957.

Luigi Zanda, capogruppo dei senatori Pd, e Anna Finocchiaro, presidente della commissione Affari Costituzionali, hanno presentato un ddl che in sostanza impedisce a una entità politica sprovvista di uno Statuto di partecipare alle elezioni. La relazione al ddl sottolinea che "le nuove norme per l’attuazione dell’articolo 49 della Costituzione non impediranno a una semplice associazione o movimento di fare politica, ma il mancato acquisto della personalità giuridica precluderà l’accesso al finanziamento pubblico e la partecipazione alle competizioni elettorali". Insomma, il Pd mira così a depotenziare i grillini impedendo loro di poter riconsegnare i rimborsi elettorali, uno dei loro cavalli di battaglia, che di fatto verrebbero tagliati alla radice: o il M5s diventa soggetto giuridico (che oggi non è) oppure niente soldi. Una proprosta questa che è stata aspramente criticata non solo dal diretto interessato Beppe Grillo, che ora minaccia di non presentarsi alle prossime elezioni, ma anche dal rottamatore Matteo Renzi e dal Pdl: "Le battaglie politiche si vincono prendendo voti e non cancellando gli avversari".

Del resto è proprio questo il metodo che il Pd vuole usare per vincere le elezioni. Il Pd vuole infatti cancellare anche il Cavaliere sostenendo di fatto la mozione del M5s per l'ineleggibilità. E' lo stesso neo segretario democratico Guglielmo Epifani a confermarlo: "I senatori faranno le loro valutazioni", come dire: siete liberi di votarla. Nonostante i democratici siano a parole più per il no alla mozione che prevede che venga applicato l'articolo 10 della legge 361/1957 in base al quale i beneficiari di concessioni pubbliche (come quelle televisive) non possono essere eletti, resta l'incognita di quei 101 franchi tiratori nel Pd che fecero fuori Romano Prodi alle votazioni per il presidente della Repubblica. La Giunta delle elezioni alla Camera, durante i 20 anni di attività politica di Berlusconi ha sempre dato un parere opposto. Ma ora il giudizio spetterà a quella del Senato e questa volta il risultato non è scontato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    22 Maggio 2013 - 12:12

    Ormai chi proponeva ha rinunciato. Tra le rinunce quella del PDL che voleva fare regali ai compagnucci mafiosi nella Sicilia di Micciché, di Schifani, ex socio e promotore con la Loggia di Sicula Brokers, poi chiusa per due in galera per mafia. Inopportune le proposte del PD anche se non fanno una grinza. Il Comitato Silos-Labini da 20 anni dice che Silvio é ineleggibile, lo dice anche la legge. E Grillo non puo' prendersi soldi che spettano ai partiti, se lui non vuole costituirsi a partito. Ma in questo momento, é meglio pensare a chi ha fame.

    Report

    Rispondi

  • reddx

    22 Maggio 2013 - 02:02

    Sei patetico. Nessuno ha mai avuto il coraggio e il pudore di tagliare i costi della politica come hanno fatto finora i 5 stelle. Prima di vomitare idiozie dovresti pensarci qualche secondo.

    Report

    Rispondi

  • raucher

    21 Maggio 2013 - 21:09

    Già , proprio così , anche 5* preoccupati solo della loro diaria , pensione e scontrini. Penosi.Poichè pensano che questo governo durerà poco e non sono certi della rielezione , cercano di portare a casa il più possibile prima di tornare alla vita di tutti i giorni. Opportunisti e arrampicatori , altro che balle . Amen.

    Report

    Rispondi

  • futuro libero

    21 Maggio 2013 - 16:04

    invece il tuo enorme Q.I. si riduce a scrivere solo stupidi insulti? D'accordo che la verità fa male ma per favore fai valere il tuo Q.I. (se c'è).Quello che ho scritto è storia.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog