Cerca

Il gruppo di Pippo

Civati fa scouting a 5 stelle
32 grillini pronti a seguirlo

Cena segreta tra senatori e deputati M5S dissidenti a Roma. L'esponente del Pd è il pontiere per portarli sulla sponda democratica

Civati fa scouting a 5 stelle
32 grillini pronti a seguirlo

Il Movimento Cinque Stelle a Roma ha fatto il pieno in piazza. Ma le divisioni interne non vengono superate con un comizio di piazza. I dissidenti tra senatori e deputati restano tanti. Al centro dei malumori ci sono le beghe sulla diaria e la pressione dei portavoce che controllano come fosse un Grande Fratello le dichiarazioni e le opinioni dei deputati. A questo vanno aggiunti anche i dissensi sulla linea politica del Movimento e soprattutto quella imposta dal leader Beppe. Crimi ha detto no ad un referendum sull'euro. E ancora non si è spenta la fiamma "collaborazionista" che vorrebbe i Cinque Stelle vicini alla sinistra per le scelte di governo. Dopo il comizio per la candidatura di Marcelllo De Vito a sindaco di Roma, i senatori e i deputati dissidenti si sono riuniti a cena. Una cena a porte chiuse, per discutere di tutto. A quanto pare però l'incontro non era proprio segretissimo, perchè qualcuno sapeva i dettagli e soprattutto le intenzioni dei dissidenti. 


Civati lo spione - L'insider è democratico Pippo Civati. Lui è il pontiere del Pd che sta riaprendo lo "scouting" nella truppa a Cinque Stelle. Civati sa tutto della cena di ieri sera e lo racconta a Repubblica: “Oltre alla famosa cena, so di altre cose. Il progetto di Sonia Alfano, che è in contatto con alcuni di loro da un mese, sta andando avanti. L’idea è quella di fare un gruppo e staccarsi, a partire dai temi della legalità, ma non solo”. Dalle parole di Civati trapela un progetto politico che va oltre gli steccati grillini. I dissidenti sono pronti a sganciarsi per fare un gruppo autonomo. 

Tutti con Pippo - Ma l'elemento nuovo è che è proprio Civati ad essere il punto di riferimento dei grillini ribelli. Lui, che probabilmente correrà per la segreteria democratica al prossimo congresso è un anti-Cav di razza ed è anche un anti-Pd di lungo corso. Il progetto di Civati è quello di portare con sè una dote di grillini che nei numeri comincia a diventare consistente. Secondo le indiscrezioni al Senato sono 12 i Cinque Stelle pronti a tradire e alla Camera 20. Il totale fa 32. Il 20 per cento della rappresentanza parlamentare grillina. Il Movimento adesso è a un bivio. Reggere compatto fino al prossimo voto o aprire una crisi interna subito proprio in vista del voto anticipato. Civati si prepara. E con lui prende forma un Pd a Cinque Stelle.

di Ignazio Stagno

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lawonder

    26 Maggio 2013 - 15:03

    Non sono offensivi ma opinioni di una normale cittadina alla ricerca della verità! Forse perché evidenziano quanto sia lontana la verità da quanto voi scrivete? Comunque la si trova tranquillamente sul web, è alla portata di tutti!

    Report

    Rispondi

  • celleno

    26 Maggio 2013 - 10:10

    Ma qualche tempo fà non si chiamava compravendita delle vacche? o no?Tu sarai pure un furbo toscanaccio, ma noi non siamo mica coglioni!

    Report

    Rispondi

  • ufotizio

    25 Maggio 2013 - 19:07

    "Una cena a porte chiuse", la stessa cena che Salvo Mandarà ha trasmesso in streaming su UStream? "Ma mi faccia il piacere!" come direbbe Totò :)

    Report

    Rispondi

  • frank-rm

    25 Maggio 2013 - 16:04

    Quindi un grande Civati sembra capire.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog