Cerca

Diritti per i gay

Cicchitto: "Più diritti per i gay. Pronti a parlarne con il Pd"

Il deputato del Pdl: "Legge per le unioni omo, ma niente nozze". Avviso ai democratici: "Non usate il tema per le maggioranze variabili"

Fabrizio Cicchitto

Fabrizio Cicchitto

«Giusto regolare per legge le unioni fra omosessuali, ma niente nozze per i gay». Fabrizio Cicchitto, big del Pdl e già capogruppo alla Camera, interviene nel dibattito che agita il suo partito. Una discussione inaugurata dal coordinatore Sandro Bondi che si è pubblicamente schierato in difesa dei diritti dei gay.
Bondi auspica larghe intese sui diritti dei gay. Lei cosa ne pensa?   
«Io reputo che siamo arrivati al punto di maturazione in cui le unioni fra omosessuali vengano regolate in modo tale da consentire parità di trattamento per le questioni di natura economica, patrimoniale, sanitaria. Questa è una via da percorrere e su questo dobbiamo procedere. Ma diverso è il matrimonio gay».
Troppo per il centrodestra? 
«A mio avviso il matrimonio va mantenuto nella sua impostazione costituzionale, quella fra un uomo e una donna. La regolamentazione dei diritti civili è fattibile, mentre sulle nozze fra gay io sono in disaccordo sul merito. E aggiungo un altro problema».
Dica. 
«Va fatto un calendario politico. Ci deve essere una cabina di regia, fra maggioranza e governo su temi così delicati. Però ci sono delle priorità».
Prima il lavoro, poi i gay?  
«Esatto. L’economia e il lavoro per un verso, le riforme istituzionali e la legge elettorale per l’altro. Ma non solo. Ci sono problemi di intesa politica, nel senso che non si può andare allo sbando in Parlamento».
Anche se questo è il governo in cui Pd e Pdl sono insieme? 
«Non si può pensare  di cavalcare le emozioni del momento e di realizzare in Parlamento delle maggioranze variabili. Questo vale per temi che sono nella nostra sensibilità, vedi le intercettazioni o la responsabilità civile dei magistrati, e deve riguardare anche le questioni su cui gli altri sono più sensibili».
Il centrodestra può venire incontro alla sinistra sulle unioni civili, ma non cede sul proprio programma? 
«È una situazione politica appesa a un filo. Ci sono due partiti che io ho definito non avversari, ma in passato addirittura nemici, insieme al governo, quindi bisogna procedere con cautela nel senso che non sono accettabili forzature su temi così delicati».  
Sui diritti civili, però, è lo stesso Pdl che pare procedere in ordine sparso...
«Anche nel Pdl occorre un sereno dibattito e un chiarimento sulle posizioni esistenti, che sono più di una».
C’è una fronda laicista nel Pdl, visto che con Bondi si sono schierati Galan, Ravetto e altri?  
«Nel Pdl ci sono sempre state varie anime. Io mi colloco tra i laici-moderati, cioè tra chi mantiene posizioni laiche, ma tiene conto dell’importanza del ruolo svolto dalla Chiesa cattolica e cerca un punto di equilibrio. Una linea diversa sia dai cattolici integralisti, sia dai laicisti più scatenati».   

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pinco

    28 Maggio 2013 - 22:10

    Ma solo per gli iscritti al PDL!

    Report

    Rispondi

  • 19gig50

    28 Maggio 2013 - 16:04

    Caro CIcchitto penso proprio che si giunto il momento di ritirarti dalla scena politica. Non è colpa tua ma, è l'età che ci fa dire stupidaggini per cui, in uno sprazzo di lucidità, presenta le dimissioni.

    Report

    Rispondi

  • fisis

    28 Maggio 2013 - 14:02

    Se due persone dello stesso sesso vogliono convivere e desiderano che la loro unione sia legalmente riconosciuta, come può uno stato liberale e di diritto impedirlo? Certo, non penso che lo si debba chiamare matrimonio, che, se le parole hanno un senso, deriva dal concetto di “madre”. Bisognerà inventarsi un nuovo termine. Inoltre, perché lasciare la tematica omosessuale in esclusiva alla sinistra, addirittura comunista, la quale agita in occidente questa bandiera solo in maniera strumentale e antiborghese, quando è risaputo benissimo che gli omosessuali sono fortemente avversati e perseguitati da quei regimi ( vedi ex Unione sovietica, Cuba etc.)? Il tema dei diritti individuali, qualunque sia il loro orientamento sessuale fa naturalmente parte del lessico liberale,. Quindi, non vedo nessun motivo di scandalo nelle parole di Cicchitto.

    Report

    Rispondi

  • frank-rm

    28 Maggio 2013 - 12:12

    Forse Chicchitto teme che Capezzone sarebbe meno presente per problemi di famiglia?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog