Cerca

Il terzogenito dell'ex-senatore a vita

Stefano Andreotti tende la mano a Umberto Ambrosoli: "Ti capisco"

Il consigliere lombardo, figlio dell'avvocato ucciso, era uscito dall'aula durante il minuto di silenzio dedicato alla scomparsa de Il Divo Giulio

Giulio Andreotti

Giulio Andreotti

Stefano Andreotti tende la mano a Umberto Ambrosoli. Il terzogenito dell'ex-senatore a vita Giulio Andreotti, appena scomparso, in un'intervista a Vanity Fair, giudica comprensibile la scelta di Umberto Ambrosoli di uscire dall'aula del consiglio regionale appena prima che iniziasse il minuto di silenzio in onore di Andreotti. 

Ce l'ha con mio padre, lo capisco - "Che Umberto Ambrosoli ce l’abbia con lui è più che comprensibile", ha dichiarato. E ha aggiunto: "Se io sono arrabbiato per quello che è successo a papà, figurarsi lui, che suo padre lo ha visto ammazzato". Il Divo, come era stato soprannominato, in una puntata de La Storia siamo noi, aveva infatti dichiarato che Giorgio Ambrosoli, padre del consigliere lombardo Umberto assassinato su mandato di Michele Sindona, "se l' andava cercando". Ora Stefano Andreotti ammette: "È stata una frase oltremodo infelice, che mio padre però ha subito rettificato, e che soprattutto ha pronunciato quando non era ormai lucido". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • JamesCook

    29 Maggio 2013 - 18:06

    Egr. Sig. Stefano Andreotti,la sua dichiarazione le fa onore,sarei onorato di stringerle la mano a Lei ed anche al Sig.Umberto Ambrosoli. entrambi avete dato una lezione ai politicanti....

    Report

    Rispondi

  • Caio70

    29 Maggio 2013 - 13:01

    Maroni prenda esempio dal figlio di Andreotti, ma immagino sia pretendere troppo.

    Report

    Rispondi

  • blu521

    29 Maggio 2013 - 12:12

    E adesso che diranno tutti quei bananas che avevano criticato Ambrosoli?

    Report

    Rispondi

blog