Cerca

Beppe all'angolo

M5S, Grillo: "Ai ballottaggi non appoggiamo nessuno"

Nel suo ultimo posto il leader pentastellato si scaglia contro media e partiti, poi minaccia i suoi eletti: "Pronto a cacciarvi"

Beppe Grillo

Beppe Grillo

E' dura per Beppe Grillo fare i conti con la realtà. La sonora debacle delle ultime amministrative ha dissolto qualsiasi velleità di arrivare al 100% dei consensi, come pure il guru dei cinque stelle va vaneggiando. Il voto ha riportato il M5S sul pianeta Terra. Ma l'autocritica non è proprio il miglior pregio di Grillo. Così, dopo aver scaricato la responsabilità della sconfitta sugli italiani che non hanno capito la portata della suo messaggio, spiega dal suo pulpito - il blog - perché il M5s ha comunque vinto: "Il cosiddetto risultato disastroso di ieri consentirà a circa 400 consiglieri del M5S di entrare nelle municipalità, di fare proposte, operare da sentinella per i cittadini. E' tanto? E' poco? E' comunque un risultato che consente al M5S di raddoppiare la sua presenza nei Comuni". 

Nessun trionfo M5s a febbraio - Insomma, il M5s ha vinto anche stavolta, anche se nessuno pare essersene accorto. Forse Grillo non sa più a che santo votarsi. Premette nell'incipit del suo post: "Non abbiamo fretta. Anche ieri, dopo le comunali è stato un giorno come un altro. Nessun trionfo a febbraio, nessun tonfo a maggio". Ma allora chi è quel Beppe Grillo che da tre mesi diceva, un giorno si e l'altro pure, che il M5s ha stravinto le politiche, che è il primo partito, che finalmente tutti abbiamo sentito il boom del Movimento? Forse un omonimo, non c'è altra spiegazione. Sarà colpa dei media.

Pennivendoli di regime - Perché, stringi stringi, alla fine la responsabilità è sempre delle tv e dei giornali, dei cronisti prezzolati, dei pennivendoli di regime. "Dopo le elezioni politiche la stampa e le televisioni si sono scatenate contro il M5S come se fosse l'anticristo con una rabbia, un odio, un disprezzo che non ha riscontro nella Storia d'Italia. L'informazione è l'ultima barriera che protegge processi, corrotti, status quo. E' l'arma letale nelle mani dei partiti". E' la risposta a chi ieri aveva invocato, o sperato, in una retromarcia di Grillo sugli attacchi ai giornalisti. L'obiettivo del capo dei cinque stelle è però la Rai, di cui pensa di impadronirsi con la presidenza del Copasir: "La fogna che è ora la RAI, che perde 200 milioni di euro all'anno, nonostante canone e pubblicità, con una pletora infinita di dipendenti e "esterni" va riformata al più presto, tolta dal controllo dei partiti. Più che andare in televisione, bisogna cambiare la televisione. E' un obiettivo del M5S". 

Non appoggiamo nessuno al ballottaggio - Ma i giornalisti non sono gli unici colpevoli da punire. Ci sono anche i partiti da eliminare, a cominciare dai prossimi ballottaggi: "Ogni tanto è bene ribadire che il MoVimento non è un partito, non fa alleanze con i partiti, né inciuci. Questo vale per i prossimi ballottaggi dove non appoggeremo la destra e tanto meno la sinistra, tra loro non c'è alcuna differenza, forse la destra ti prende un po' meno per il culo". E se il messaggio non fosse chiaro, soprattutto tra i parlamentari del M5s, due righe dopo arriva la minaccia di ritorsioni: " Scrissi che chi voleva l'accordo con il pdmenoelle aveva sbagliato a votarci. Lo confermo e estendo il concetto. Chi si è candidato per il M5S al Parlamento e vuole un accordo con il pdmenoelle scordandosi degli impegni elettorali e della sua funzione di portavoce per realizzare il nostro programma, è pregato di avviarsi alla porta". Insomma, all'interno del M5s c'è aria da resa dei conti. Chi sarà il prossimo ad essere espulso?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog