Cerca

La rilevazione Swg

Il sondaggio: Grillo per 2 italiani su 3 Beppe ha fallito

Il 63 per cento degli elettori crede che sia iniziata la fine dell'era del M5S. "Troppi errori, candidati impreparati e un leader che ha distrutto tutto"

Enrico Letta presidente del Consiglio

Per due italiani su tre è finita l'era di Beppe Grillo. A rivelare il dato allarmante è un sondaggio di Swg per Agorà. Per il 63 per cento degli elettori il tonfo alle amministrative e gli ultimi attacchi a Stefano Rodotà segnano l'inizio della fine del Movimento. Le stelle non brillano più come prima. C'è poi un altro 36 per cento che è convinto che la fine di Grillo è vicina per come lui stesso ha gestito il Movimento in questi tre mesi del post voto del 25 febbraio. 

Elettori stufi di Beppe - Se poi si scava dentro l'elettorato grillino si scopre che il malumore comincia afrsi strada e che probabilmente al prossimo giro gli elettori grillini rientreranno nel recinto dei partiti tradizionali. A puntare il dito contro Grillo è il 23% dei suoi sostenitori, mentre secondo il 22 per cento degli elettori totali e l’11 per cento di quelli grillini il crollo registrato dal Movimento sarebbe da riferire all'inesperienza dei candidati.

Parabola discendente
- "Il Movimento 5 Stelle 3-4 mesi fa godeva di un favore complessivo che andava ben oltre i voti raccolti: anche quando nei sondaggi prendeva il 20 percento, il senso che quella forza stesse spostando qualcosa di importante nel Paese arrivava al 63-64 per cento. – ha osservato Roberto Weber, presidente Swg – Ora, invece, siamo già a tre elettori su dieci che si chiedono se il Movimento sia entrato in una parabola discendente". Il quadro è davvero allarmante per i Cinque Stelle. E anche nelle intenzioni di voto vanno giù nel giro di pochi giorni. Il movimento, che scende dal 22,6 al 19,1 per cento.

Pdl davanti, crolla Letta -  Circa tre punti, più o meno quello che recupera il Partito democratico, dato al 25,8 per cento. Davanti a tutti c'è sempre il Pdl col 27,8 per cento. Il Cav ringrazia Beppe. Tonfo di Scelta Civica al 5 per cento mentre resite Sel di Nichi Vendola che aggancia Monti proprio al 5 per cento.  Intanto sul fronte governo la fiducia degli elettori nel premier Enrico Letta cala di settimana in settimana. Buona parte degli italiani comincia a cerdere che il governo "vivacchi", per dirla alla Renzi, in attesa del nuovo voto. La fiducia in Letta è passata dal 43 per cento del 3 maggio al 30% del 31 maggio. Il governo ha perso 13 punti in un mese. Il decreto sul finanziamento pubblico ai partiti, la sospensione dell'Imu non convincono gli elettori che cercano risposte concrete soprattutto sul fronte lavoro. I dati della disoccupazione sono drammatici. Mai così male dal 1977. E chi non lavora dall'esecutivo si attende riforme e provvedimenti concreti per far ripartire l'economia. (I.S)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • maxgarbo

    02 Giugno 2013 - 09:09

    tu vota chi ti pare, ma le fette di salame gli italiani se le mettono ancora in bocca, non sugli occhi! L'accanimento mediatico lo fa Grillo con insulti a 360° gradi...

    Report

    Rispondi

  • gicchio38

    02 Giugno 2013 - 06:06

    SE SOLO SI GUARDASSE QUALCHE VOLTA ALLO SPECCHIO FORSE RIUSCIREBBE A FARSENE UNA RAGIONE. MA IL PAGLIACCIO DA CIRCO EQUESTRE (grillo) E' ORAMAI SOLO UN MISERO "TONTO" SOLO DA COMPASSIONARE.

    Report

    Rispondi

  • Alessia75

    01 Giugno 2013 - 13:01

    Sono felice di appartenere al 1 su 3 che pensa che Grillo non abbia fallito, anzi, è solo l'inizio, continuate a leccare il dietro ai partiti che vi danno soldi, giornalisti sta strapazzo ecco cosa siete, fate ridere!

    Report

    Rispondi

  • allianz

    01 Giugno 2013 - 04:04

    In effetti i sondaggi lasciano il tempo che trovano ed in questo ha ragione Ghorio...e sono perfettamente inutili.Gli italiani sono imprevedibili.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog