Cerca

Scambio d'invettive

Botte da orbi in casa Lega, Bossi: "Maroni l'ha distrutta, pensa alle poltrone". E Bobo: "Chi non è d'accordo può andarsene"

In un'intervista il fondatore del Carroccio aveva criticato il segretario, annunciando la sua candidatura al Congresso. Ma lui tira dritto: "Basta chiacchiere, io penso ai fatti"

Roberto Maroni e Umberto Bossi

Botte da orbi tra Roberto Maroni e Umberto Bossi. Il tracollo della Lega Nord, iniziato alle politiche, ha avuto il suo culmine alle recenti ammninistrative, dove i candidati del Carroccio sono stati surclassati nei suffraggi dai candidati del Pd anche in Comuni come Vicenza e Treviso, storiche roccaforti leghiste. Per il fondatore del Carroccio la colpa della debacle è da imputare per intero alla linea politica inaugurata da Maroni. 

Attacco a Bossi: comando io - In un'intervista a Il Fatto, Bossi ha duramente redarguito l'attuale segretario della Lega: "Devo ricostruire la Lega, l'hanno distrutta". E ancora: "Ha trasformato i nostri ideali in burocrazia. Ha troppe poltrone e si dimentica delle cose. Io la base non l'ho mai abbandonata". Poi l'annuncio a sorpresa: "Aspetto il Congresso, mi candiderò prima che non ne rimanga piu' nulla". Una valanga di stilettate che hanno fatto fatto imbufalire Maroni che, a stretto giro, ha replicato a muso duro: "Non c’è nessuna fronda interna e nemmeno resa dei conti, io sono il segretario federale. Quindi chi non è d’accordo se ne può andare. Quelle di Bossi sono opinioni personali ma non dirò mai nulla contro di lui". 

Basta chiacchere - Una presa di posizone stizzita che, nonostante la smentita, è con ogni evidenza un messaggio indirizzato soprattutto a Bossi e ai bossiani, stufi delle continue epurazioni nel partito e di ingoiare bocconi amari. L'ultima stoccata, dello stesso tenore, è a chi in questi giorni ha espressamente contestato le ultime scelte politiche: "Nella Lega c'è chi ama far chiacchiere e interviste sui giornali e chi ama invece fare i fatti". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • raucher

    31 Maggio 2013 - 19:07

    anche grazie a quegli analfabeti di figli , dovrebbe stare zitto , per aver distrutto il suo partito radicato nel nord.Malato , va bene , circuito da gente che ha usato la sua malattia per rubare , dovrebbe solo ritirarsi in dignitoso silenzio e lasciare spazio ad altri.

    Report

    Rispondi

  • rintintin

    31 Maggio 2013 - 19:07

    La Lega Nord è Umberto Bossi ....senza di lui è finita....o finirà nel nulla....Bossi e la Lega sono una cosa solo ...gli altri son burattini

    Report

    Rispondi

  • Aprile2016

    31 Maggio 2013 - 18:06

    ***beata essa che è arrivata a quell'età ed il suo kompagno che fo e che feci non lo seppe mai, ancor più longevo. Avanti il prossimo, sarà il Papa o l'antipapa?*

    Report

    Rispondi

  • Aprile2016

    31 Maggio 2013 - 18:06

    ***Umberto, ti ho sempre difeso, purtroppo la mia benevolenza e comprensione per la tua triste storia, come quella datati dalla maggioranza dei leghisti nonostante le tue sortite disfattiste non è servita a niente, peccato. Ora, devi soltanto rassegnarti in quanto la Lega è stata dimezzata grazie a chi vicino a te voleva approfittare della tua disgrazia per ingordigia personale. Brutta, bruttissima realtà che ora i tuoi nemici storici da sempre cavalcano attraverso quotidiani miseri. Ritirati, non puoi "rinascere" ne fisicamente ne mentalmente essere più quello che sei stato di cui, credo, ogni leghista te ne è grato. Lascia perdere le "perpetue" che ti circondano e gli ipocriti sciacalli.*

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog