Cerca

Caduta libera

Mira, la festa del M5S è un flop
Solo 300 persone in piazza
Crimi: "Vittime di un complotto"

Kermesse per celebrare i successi grillini alle amministrative di un anno fa in Veneto e in Emilia. Piazza vuota, disertano pure Grillo e la Lombardi

Mira, la festa del M5S è un flop
Solo 300 persone in piazza
Crimi: "Vittime di un complotto"

C'è poco da festeggiare. In casa Cinque Stelle è tempo di musi lunghi. Al punto che pure la festa di Mira, uno dei primi comuni d'Italia ad aver avuto un sindaco grillino, è andata deserta. Alla kermesse di ieri, che doveva celebrare i successi grillini alle amministrative di un anno fa in Veneto ed Emilia, c'erano appena 300 persone. Niente adunata, niente folle oceaniche sul modello "tsunami tour". La manifestazione era stata annunciata in pompa magna lo scorso 21 maggio: "Faremo una festa per celebrare il primo anno dall'elezione dei primi quattro sindaci italiani a cinque stelle Roberto Castiglion a Sarégo, Marco Fabbri a Comacchio, Federico Pizzarotti a Parma e Alvise Maniero a Mira".

Flop totale - Era annunciata la partecipazione di Beppe Grillo con le due "ancelle" Crimi e Lombardi. Prodotti rigorosamente a km zero e menù vegetariani, tutto votato alla causa dell'ecofriendly. Ma dopo l'annuncio di fine maggio era arrivato lo stop del prefetto di Venezia: "L’allestimento delle strutture non è sufficiente ad ottenere il via libera all’evento realizzato in concomitanza con la Festa della Repubblica". Doccia fredda. Fino a sabato 1 giugno, quando arriva il semaforo verde. Il raduno si può fare. Il sindaco di Mira, Alvise Maniero annuncia: "Venite in piazza, la festa c'è". Ma è tardi, la gente non viene e pure Grillo non si fa vedere. Come la Lombardi. L'unico a metterci la faccia è Vito Crimi, diventato ormai una sorta di parafulmine del Movimento. Fa un breve discorso e alla fine sconsolato dalla presenza ridotta dei fan Cinque Stelle afferma: "Chiedete - ha commentato il capogruppo M5s - agli organizzatori, solo loro vi possono dire del boicottaggio che c'è stato. La colpa è dei giornalisti". Come sempre. (I.S)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • i.bettaglio

    07 Febbraio 2015 - 15:03

    Pure loro con la sindrome del complotto!!??

    Report

    Rispondi

  • Janses68

    04 Giugno 2013 - 16:04

    Come ogni tsunami ,la forza distruttiva poi finisce. Se non hai piani per la ricostruzione ,chi vive nelle baracche e che ti ha creduto ,si rende conto che non c'e' nessun piano dopo lo tsunami, e che erano solo parole parole parole...

    Report

    Rispondi

  • colombinitullo

    03 Giugno 2013 - 17:05

    mal comune mezzo gaudio?

    Report

    Rispondi

  • Beauty

    03 Giugno 2013 - 16:04

    uno deve emergere perché vale, non perché gli altri valgono meno.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog