Cerca

Cinesi democratici

Il Pd ora pensa alla Cina:
"Basta sfruttamento e turni di 24h"
e chiede aiuto alla Boldrini

I democratici propongono un "gruppo di studio" sulle aziende di Pechino per avere un registro di quelle che rispettano i diritti dei lavoratori. Ma i "compagni" scordano gli sfruttati italiani...

Guglielmo Epifani

Guglielmo Epifani

Il Pd pensa alla Cina. "Un gruppo di studio italiano ed europeo per arrivare au una autocertificazione delle imprese che attesti il rispetto della produzione delle normative fondamentali sui i diritti umani dei minori, del lavoro dell'ambiente". Lo chiedono diversi parlamentari di largo del Nazareno alla presidente della Camera Laura Boldrini. La richiesta dei dem arriva dopo la notizia della morte di un ragazzino di 14 anni morto in Cina per un massiccio turno di lavoro durato 24 ore dentro una fabbrica che produce apparecchiature elettroniche. A proporre il gruppo di studio, che, va detto, costerà alle casse dello Stato, sono stati Michele Anzaldi, Marina Berlingheri, Simona Bonafè, Marco Donati, Luigi Famiglietti, Silvia Fregolent, Ernesto Magorno e Giovanna Martelli. Secondo gli esponenti democratici questo "gruppo di studio" sarebbe un contributo per permettere "a ognuno di noi la libera scelta dei notebook o del cellulare che preferisce, in base non solo a specifiche tecniche ma anche ad assicurazioni sul rispetto dei diritti umani". L'iniziativa è di valore. Ma verrebbe da chiedersi se il Pd e la poltica non dovrebbero prima occuparsi di alcune aziende italiane che sfruttano sopratutto i giovani con salari che non vanno oltre le 500-800 euro mensili. Il tutto con orari di lavoro che vanno dalle 9 alle 10 ore. Prima di studiare la Cina, forse converrebbe studiare un pò meglio il nostro Paese.La Cina può attendere. (I.S.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Janses68

    04 Giugno 2013 - 16:04

    Il caro PD dovrebbe pensare all'articolo 1 della costituzione ... Una repubblica fondata sul lavoro, sul lavoro di chi vive in Italia. Che ve ne frega se in Cina sono sfruttati. Pensate ai lavoratori italiani che hanno perso il lavoro. Pensate chi si e' trovato col culo per terra a ravanare nelle casse ai mercati per trovare da mangiare. Pensate ai vecchi che hanno lavorato una vita anche in condizioni pessime , ma che ci hanno permesso di arrivare dove siamo. Questi sono problemi sociali di cui una sinistra che si rispetti dovrebbe trattare. Ed invece pensate ai Cinesi ? Ecco perche' state fallendo miseramente. Quello che dovreste fare o per cui dovreste lottare non ve ne frega un cazzo. Ecco perche' la gente e' scappata e ha votato Grillo.... Buffoni ! Avete affossato i vostri uomini migliori mandandoli al macello e facendoli finire nel dimenticatoio come ferri vecchi.... Voleva smacchiare il Giaguaro ... povero Bersani , era uno che ci credeva.

    Report

    Rispondi

  • umberto2312

    04 Giugno 2013 - 09:09

    E naturalmente i cinesi se ne impipperanno dei nostri compagnuzzi nullafacenti e vaniloquenti.

    Report

    Rispondi

  • selvaone

    04 Giugno 2013 - 08:08

    ma andateci tutti in cina farabutti traditori, ci avete venduto come cani. maledetti, ora pensano ai diritti dei poveri cinesi, andate AFFANCULO!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • brunom

    04 Giugno 2013 - 05:05

    di qualche forma di parassitismo per vivere senza lavorare, la solita storia.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog