Cerca

Tempi che cambiano

La sinistra vuol riesumare Fini
"Lui presidente un imparziale"

Presentato alla Camera il libro su Gianfry. I relatori del Pdl non si fanno vedere, quelli legati al Pd lo incensano

La sinistra vuol riesumare Fini
"Lui presidente un imparziale"

In sala, la sala Regina di Montecitorio, i reduci di Alleanza nazionale non stanno più nella pelle. Per un attimo, a Italo Bocchino, Roberto Menia, Mario Landolfi e Donato Lamorte, ma anche a Luigi Ramponi, Gennaro Malgieri, Maria Ida Germontani e Antonio Mazzocchi, pare di essere tornati indietro nel tempo. Perché per la prima volta dopo tanto tempo sono tutti lì, insieme, ad aspettare l’intervento del capo. 

Solo che adesso An non c’è più, i suoi eredi - ad esclusione del Pdl - nemmeno e Gianfranco Fini, alla prima uscita pubblica dopo la batosta elettorale che l’ha estromesso dal Parlamento dopo trent’anni, siede di fronte a loro solo perché deve prendere la parola in occasione della presentazione del libro che il costituzionalista Paolo Armaroli ha dedicato alla sua esperienza di presidente della Camera. Un volume, edito da Mauro Pagliai, che analizza "Lo strano caso di Fini e il suo doppio nell’Italia che cambia".

Tra i relatori, moderati da un altro costituzionalista, Fulco Lanchester, spiaccano i nomi di Luciano Violante, Anna Finocchiaro, Augusto Barbera e Andrea Manzella. Tutti con un passato e un presente, più o meno marcato, nelle file della sinistra (Ds o Pd che sia). I due oratori del Pdl previsti dal programma, il ministro Gaetano Quagliariello e il capogruppo al Senato Renato Schifani, non si fanno vedere. Così a discutere del contestato ruolo di Fini come presidente dell’assemblea nella scorsa legislatura, restano solo gli esponenti democratici. Che lo difendono a spada tratta, come ad esempio fa Violante: "Fini si è trovato a presiedere la Camera nella legislatura più difficile, garantendo tuttavia l’imparzialità nella gestione del suo ruolo». E poi, ricorda, «imparzialità non significa neutralità".


Leggi l'approfondimento di Tommaso Montesano
su Libero 
in edicola mercoledì 5 giugno

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rabbianera

    rabbianera

    10 Luglio 2013 - 01:01

    Quella Boldrini non ha stile , solo presunzione di capacità, arroganza appena controllata,indisponente in ogni atto. Se lì ce l'ha messa Bersani non poteva essere diversamente ; due incapaci fanno peggio che di un ciucco.

    Report

    Rispondi

  • solerosso34

    09 Luglio 2013 - 17:05

    VIOLANTE CON QUELLO CHE HA FATTO DA PRESIDENTE DELLA CAMERA, COME MINIMO DOVEVA ESSERE CACCIATO. A POSTA HA LODATO FINI, SONO 2 SCORRETTI FAZIOSI E PERICOLOSI, NON PER ALTRO SE OGGI CI TROVIAMO UNA TALE MAGISTRATUTA IL MAGGIORE RESPONSABILE E' PROPIO LUI. POI ANCHE I MAGISTRATI LO HANNO SCARICATO!!

    Report

    Rispondi

  • clod46

    09 Luglio 2013 - 17:05

    Non ho mai visto nessuno che è riuscito a sputare in faccia e a calpestare il suo avvenire politico come ha fatto quest'uomo. una prece.

    Report

    Rispondi

  • perfido

    05 Giugno 2013 - 15:03

    Mettere in lista nella circoscrizione politica del Mugello, come hanno precedentemente fatto con l'ex p.m., poi, capo dll'IdV. Ed il Kompagnuzzo Gianfry, verrà eletto con i voti, degli abitanti del Forteto, nel PD. Al di fuori di quel territorio, non credo che potrebbe essere eletto di nuovo per poter mettere piede in Parlamento.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog