Cerca

Il retroscena

Berlusconi, ecco il piano per tornare alle urne

Silvio Berlusconi visto da Benny

Le ultime in ordine di tempo sono le motivazioni della sentenza Unipol. Silvio Berlusconi è fuorioso dopo averle lette ("L'uomo più intercettato d'Italia viene condannato per la pubblicazione di un'intercettazione", si è sfogato con i suoi) ma sa che non è ancora finita. Ci sono altre due date-chiave nella sua odissea giudiziaria: il 19 giugno quando la Consulta dovrà pronunciarsi sul legittimo impedimento nel processo Mediaset e il 24 giugno quando è attesa la sentenza Ruby. Più passano i giorni più si rafforza il piano B del Cavaliere, quello che spinge per le urne già nel mese di ottobre in modo che possa affrontare l'eventuale condanna in Cassazione e l'interdizione dai pubblici uffici da presidente del Consiglio. Non a caso dopo un periodo di silenzio in cui Berlusconi si era ritirato in Sardegna (dove nel fine settimana scorso è stato raggiunto da Daniela Santanché e Daniele Capezzone) e ha tenuto un vertice a Palazzo Grazioli

Il nuovo partito - Ha preparato alcuni spot pro-Alemanno anche se il pensiero era rivolto all'assedio giudiziario a quel cerchio che gli si sta stringendo sempre più attorno. Al vertice hanno partecipato il coordinatore  Denis Verdini, il segretario Angelino Alfano, i capigruppo Brunetta e Schifani, Maurizio Gasparri. Assente - secondo quanto scrive Repubblica - Sandro Bondi che pure era dato come nuovo coordinatore del partito. Insomma, lo Stato maggiore ha fatto il punto sulle prossime "scadenze giudiziarie" ma soprattutto si è parlato del nuovo partito più leggero, movimentista. "A farfalla", cioè pronto ad aprire le ali alla vigilia del voto. Il progetto di Verdini prevede inoltre che i coordinatori regionali siano "a budget", i responsabili regionali dovranno trovare soldi a livello locale e, proprio come accade per i manager, solo chi centra il budget viene riconfermato. Il ragionamento che si fa è confortato dai sondaggi che continuano a dare il Pdl come primo partito. Le tensioni interne al governo, il nodo dell'Imu che non è stato ancora del tutto sciolto (la rata di giugna è stata congelata fino a settembre in attesa di una riforma che dovrebbe arrivare entro l'estate), l'aumento dell'Iva potrebbero accelerare i tempi perché si torni al voto ad ottobre.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • oliegeultje

    11 Giugno 2013 - 12:12

    Secondo me per far credibile questo partito c''e una sola soluzione liberarsi di questo personaggio che ha gia perduto da tempo la sua credibilita non solo in Italia ma in tuttoil mondo!

    Report

    Rispondi

  • Frenki

    06 Giugno 2013 - 14:02

    Forse essere rieletto per scamparla ancora una volta..., non credo per governare !!! Forse per fare altri condoni, altri indulti, lasciar evadere i ricchi, lasciare che il cambio EURO / LIRA corresse a favore di commercianti. Che altro è capace questo personaggio...forse a fare i suoi affari, non certo i nostri. Vi ricordate in questi 20 anni delle leggi di interesse pubblico ? Che sviluppo abbiamo avuto ? Che prestigio internazionale ottenuto ? Probabilmente non ci ricordiamo più nulla !! Qualcuno per cortesia ci rammenti le cose buone fatte. Grazie.

    Report

    Rispondi

  • Chry

    06 Giugno 2013 - 00:12

    e Silvio in galera

    Report

    Rispondi

  • Pinkalikoi

    05 Giugno 2013 - 21:09

    Evidentemente più che un pensiero fisso direi che si tratta di una sindrome compulsiva: Dopo la proposta di rinominare il PdL "Partito della gnocca" ora la proposta di farne "Partito Farfalla". Mah!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog