Cerca

L'accusa al veleno

Emiliano e la fatwa su Signorini:
"Il Cav usa 'Chi' per sputtanarci"
ma a sinistra amano le copertine

Vendola, Renzi e pure la Kyenge: tutti con interviste patinate sul settimanale di casa Mondadori. Per il sindaco di Bari è "un complotto per spaccare il Pd"

Michele Emiliano

Michele Emiliano

Prima Nichi Vendola, poi Matteo Renzi e ora Cecile Kyenge. Il settimanale Chi ospita da diverse settimane alcune interviste patinate a diversi esponenti e leader della sinistra. Renzi è apparso vestito come Fonzie e la Kyenge ha raccontato la disavventura della figlia Giulia "malatrattata da un controllore sul bus perchè aveva l'abbonamento fuori uso". Insomma alla corte di Alfonso Signorini sono passati diversi "compagni". E la cosa non è passata inosservata soprattutto dalle parti di Bari dove il sindaco Michele Emiliano non manda giù la passerella di sinistra sul settimanale della Mondadori e quindi secondo il sindaco della "famiglia Berlusconi". 

Emiliano e il complotto di Chi
- Così Emiliano sbotta e attacca i "compagni" e la loro sete di celebrità. "Sono interviste finalizzate a spaccare il Pd. Ha fatto bene Renzi a fare un servizio fotografico su ‘Chi’? Non è stato mica l’unico, anche Vendola si è fatto intervistare. Questa è una tattica del Cavaliere per la sinistra: intervistare i nostri leader. Berlusconi ha una tecnica per far crescere a dismisura le leadership nel nostro movimento, in modo tale da creare delle spaccature. Bisogna fare attenzione a queste cose”. E Signorini che ruolo ha in tutto questo? “Lui è uno straordinario stratega”, ha affermato il sindaco ai microfoni di Radio2 a Un giorno da pecora.

Nuova strategia -  Insomma per Emiiano c'è puzza di complotto. Secondo il sindaco il Cav vuole mettere i vip rossi contro i vecchietti del partito. Ma Emiliano scorda che per fare un'intervista bisogna essere in due. Ed evidentemente Vendola, Renzi e la Kyenge non hanno paura di apparire e di farsi consocere.Pure sulle pagine di Chi. Altrimenti gli toccherebbe scrivere un trattato o un manifesto politico come quello di Fabrizio Barca che per arrivare al cuore dei suoi elettori nel suo dovumento per "il nuovo Pd scrive: "In linea con un crescente corpo di esperienze in tutto il mondo e con la prassi della mia esperienza di amministratore, suggerisco che tale metodo debba essere quello dello sperimentalismo democratico. Esso supera l’errore che la soluzione minimalista – o liberista, magna pars della crisi internazionale che viviamo – condivide con molte applicazioni concrete della soluzione “socialdemocratica”. Efficace? Forse bastava un'intervista su Chi e avrebbero capito tutti. Anche Emiliano. (I.S)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bsavinelli

    22 Giugno 2013 - 08:08

    Ma Emiliano perché non ci dice nulla della stampa di sinistra, Repubblica, Espresso, ecc. del padrone De Benedetti che di certo non brillano per correttezza ma per accertata enorme faziosità ? L!onesta delle persone la si misura anche dalla obiettivita' delle valutazioni.

    Report

    Rispondi

  • caiogracco

    06 Giugno 2013 - 14:02

    Chi? E’ una delle tante (anche se una delle più diffuse) riviste popolari; contiene generalmente servizi-spazzatura rivolte ad un pubblico semplice e disinformato. Ho visto e letto molto poco Signorini, ma mi sembra che il suo ruolo sia principalmente quello di ammantare di un’aura che ai semplici appare elegante (ma che in realta’ e’ una edulcorazione del “cafonal”), la becera materia del gossip. Comunque sia, il finire su Chi non costituisce sicuramente una benemerenza ai miei occhi, ne’ agli occhi di chi, come me, considera privo di interesse (anzi, dannoso per la cultura) il genere di Signorini. Quindi, consiglierei molto semplicemente a chi si propone a guida di partiti o movimenti “di sinistra” di astenersi, senza spocchia, dall’ andare a caccia di facili consensi dalle pagine dei rotocalchi patinati: faranno in primis il loro interesse e poi quello del partito nel quale operano.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    06 Giugno 2013 - 09:09

    Ricordo quando contestai un articolo che affermava che il petrolio sparso da una petroliera naufragata, era mangiato da microbi e sepolto sulle Svalbard dalle cacchine delle pecore. Che risate mi feci!

    Report

    Rispondi

  • pinco

    05 Giugno 2013 - 22:10

    ......... sicuramente non si beccherà la malattia di Michael Douglas :)!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog