Cerca

Party dimezzato

Sondaggi, il Pdl è su
il Pd vince i ballottaggi
ma ha poco da ridere

Guglielmo Epifani

Guglielmo Epifani

Il Pdl alle amministrative ha perso. I numeri parlano chiaro: ai ballottaggi 11 sconfitte nei capoluoghi, e un altro cinque su cinque per il centrosinistra nel primo turno di due settimane fa. Il segretario del Partito democratico, Guglielmo Epifani, cerca subito di "sterzare" il risultato a livello governativo: "Berlusconi azionista di maggioranza del governo? Dopo i risultati di oggi ci andrei cauto nell'affermarlo". E ancora: "Difficile prevedere gli effetti del voto sul governo, ma certo dà spinta in più alle posizioni e al ruolo che il Pd ha nel Paese". Quindi l'ultima sparata del segretario: "E' una giornata davvero importante. C'è un ritrovato orgoglio tra gli elettori, quasi fosse una rivincita per il voto alle politiche, anche se restano voti distinti". Epifani canta vittoria, chiede più peso specifico per il suo partito e parla di "rivincita delle politiche". Ma, si sa, amministrative e politiche sono elezioni ben diverse: le prime tradizionalmente più felici per la sinistra, e dove il Pdl perde anche per la struttura snella che non lo vede radicato sul territorio.

 

 

I sondaggi - Epifani e il Partito democratico, però, dovrebbero riconsiderare le loro posizioni. Se gli italiani fossero chiamati a rinnovare il Parlamento oggi, infatti, il partito di maggioranza resta il Pdl. La conferma, pur con qualche decimale di differenza, arriva da due differenti sondaggi. Secondo la rilevazione Emg per il TgLa7 gli azzurri sono al 28,1%, in crescita di 1,3 punti in una settimana, mentre il Pd sarebbe al 27,8%, in crescita di 2,4 punti negli ultimi sette giorni. Per il sondaggio Tecnè realizzato per Sky, il Pdl è al 29,7% (+ 0,4% in una settimana) e il Pd è staccato di quasi tre punti, al 26,% (in crescita di un punto tondo negli ultimi sette giorni). Sempre il sondaggio Tecnè, la coalizione di centrosinistra è al 32,3%, mentre quella di centrodestra è al 36,6 per cento. Distacco più ridotto secondo Emg: tra centrodestra e centrosinistra ci sarebbero solo 0,6 punti percentuali.

Gli altri partiti - Per quel che riguarda gli altri partiti, per Emg la Lega Nord perde lo 0,3% e scivola al 3,9%, Fratelli d'Italia è all'1,7% (-0,3%) e La Destra allo 0,5% (-0,1%). Sinistra e Libertà viene data al 5,4% (-0,2%), Scelta Civica al 4,6% (in calo dello 0,2%) e l'Udci all'1,1% (in calo dello 0,1%). Gli indecisi diminuirebbero al 13,2%, mentre cresce l'astensione al 30,8 per cento. Secondo la rilevazione Tencè, la Lega Nord cala al 3,1% (-0,2%) e Fratelli d'Italia sarebbe al 3,1% rispetto al precedente 2,9 per cento. Scelta Civica sarebbe al 7% (rispetto al precedente 7,4%) mentre Sel è al 4,7% (in crescita dello 0,3%). Il Movimento 5 Stelle per Tecnè è al 18,8% (in calo dell'1,1%), mentre per Emg è al 19,7 per cento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Franco Pezzali

    12 Giugno 2013 - 16:04

    Anche l'Inter ha vinto quando la Juventus è stata appositamente mandata in serie B. Tal quale la sinistra che vince se i Pidiellini non vanno a votare. Non si illuda la combricola comunista coi suoi giudici, che poi ve lada Berlusconi la vittoria!

    Report

    Rispondi

  • KING KONG

    12 Giugno 2013 - 12:12

    ....e ancora.... "C'è da aspettarsi di tutto da questo neo-giacobino che cavalca tutte le aberrazione della mentalità comune del nostro tempo quindi: aborti a go-go, eutanasia senza ritegno, fecondazione etereologa, matrimoni gay a tutto spiano, adozioni di poveri bambini innocenti a queste coppie diciamo solo usando un eufemismo "anomale", assunzioni inutili di personale in Comune, ecc. ecc.!"....perdoni egr. sig. roberto giuseppe sarzi, lei ha due nomi: ognuno di quei nomi vive in un posto diverso? in ogni caso da quello che scrive non so come chiamarla....idiota con 2 nomi è l'unico che mi viene....o idiota al cubo...rende meglio

    Report

    Rispondi

  • roberto giuseppe sarzi

    11 Giugno 2013 - 21:09

    Va bene, è andata male è inutile negarlo! Tradizione vuole che il popolo della sinistra sia da sempre abituato ad andare a votare mentre i moderati sono a volte distratti, superficiali, menefreghisti, individualisti ecc. meno intruppati in ogni caso rispetto ai "sinistri"! Comunque ditemi che vittoria è quella dove solo un avente diritto al voto su tre si è presentato au seggi e Marino ha avuto solo il doppio di quel terzo quindi 1/3 e 2/3 del terzo! Un pò poco per proclamare questa una vittoria clamorosa!C'è una grande maggioranza silenziosa che sta a guardare ciò che farà ora il neo sindaco! C'è da aspettarsi di tutto da questo neo-giacobino che cavalca tutte le aberrazione della mentalità comune del nostro tempo quindi: aborti a go-go, eutanasia senza ritegno, fecondazione etereologa, matrimoni gay a tutto spiano, adozioni di poveri bambini innocenti a queste coppie diciamo solo usando un eufemismo "anomale", assunzioni inutili di personale in Comune, ecc. ecc.!A li mortacci!

    Report

    Rispondi

  • tarantola

    11 Giugno 2013 - 21:09

    . . . se il centro-destra ha potuto dare dimostrazione di avere ominicchi e quaquaraqua in quantità, adesso tocca al centro-sinistra! . . eh, mi pare giusto! . .

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog