Cerca

L'intervista di Selvaggia Lucarelli

Concia: "Addio politica, faccio la velina in tv"

La parabola della democratica: da Largo del Nazareno al talent show nelle piscine che verrà trasmesso da Canale 5

Paola Concia

Paola Concia

Non potevano che volere lei, come giudice di una gara di tuffi.  Una donna abituata alle acrobazie dei cerchiobottisti, ai salti mortali della politica estera e ai doppi, tripli, avvitamenti di certi discorsi in Parlamento: Anna Paola Concia. 

Uscita dalle acque torbide della politica dopo la mancata rielezione, l’ex deputato del Pd si lancia con entusiasmo in quelle più cristalline della piscina di Jump - Stasera mi tuffo, il talent al suo debutto stasera su Canale 5, in cui Anna Paola dovrà valutare carattere e tenacia dei tuffatori.  Tuffatori che potremmo catalogare così: due pesi massimi (Nadia Rinaldi e Ciccio Valenti), due su cui si tufferebbero volentieri un po’ tutte (Stefano Bettarini e Bruno Cabrerizo), tre donne che pure se si tuffassero coi braccioli di Hello Kitty e la molletta al naso ne uscirebbero con dignità grazie al bikini (Corvaglia, Falchi e Capriotti) e Enzo Salvi, detto er Cipolla, che con un tuffo sbagliato potrebbe finalmente riuscire nell’unica acrobazia che non gli è mai venuta bene: farci ridere. Ride molto, nel frattempo, Anna Paola Concia, nel raccontare con schiettezza e autoironia la sua nuova avventura televisiva in veste di giudice con Paolo Bonolis, Alessia Filippi, Giorgio Cagnotto e Mr Ok.  «C’erano state le elezioni da pochissimo e ero un po’ delusa, quando un giorno mi chiama Bonolis per propormi Stasera mi tuffo. Ammetto che lì per lì la proposta mi ha lasciata perplessa, ero ancora scombussolata per le Politiche. Mi sono presa una settimana per pensarci, poi ho capito che in fondo era un invito a tornare allo sport, da cui io sono partita, visto che sono diplomata all’Isef e ho insegnato educazione fisica». 

Tua moglie Ricarda che ti ha detto? 

«Lei è fantastica, mi guarda sempre con quell’aria ironica come a dire “Cosa combinerà ora?” e in questo caso mi ha suggerito di dire sì, perché sa che lo sport è una mia grande passione». 

Lavori a Canale 5, in una tv della famiglia Berlusconi. Non hai paura che la sinistra te le canti?

«La sinistra me le canta da cinque anni. Non mi perdonano che vada nei salotti della D’Urso e ho commesso pure il peccato di andare dalla De Filippi prima ancora che lo facesse Renzi». 

Beh, in effetti viene un po’ da chiederti perché lo fai...

«Perché a me le contaminazioni pop non fanno paura. Temi di essere contaminato se hai un pensiero debole, se il tuo pensiero è forte resti te stessa in qualsiasi contesto, dal più elevato al più trash. E poi se voglio raccontare le mie battaglie non posso parlare agli italiani solo nelle sedi del Pd. In questo caso sì, bisogna essere meno choosy».

A proposito di choosy, chi è il più esigente tra i giurati di Stasera mi tuffo?

«Giorgio Cagnotto. Lui è quello dei pareri più tecnici quindi anche il più severo».

Tra i tuffatori ci sono Nadia Rinaldi e Ciccio Valenti, due concorrenti che faticheranno un po’ a entrare in acqua senza spruzzi. Non partono svantaggiati?

«Ovviamente per loro la gara è più difficile, ma io guarderò meno l’aspetto tecnico e premierò più l’impegno e la tenacia, che non c’entrano con la bilancia». 

Parlando invece di altre competizioni, ti sei commossa nel vedere Alemanno piangere dopo la sconfitta, di’ la verità?

«Forse è l’unica cosa positiva che gli ho visto fare fino ad oggi. Diciamoci la verità, quello di sindaco non era il lavoro suo».

Con Marino arriveranno i registri per le coppie di fatto?

«Mi pare il minimo sindacale, altrimenti inutile definirsi di sinistra. Sia chiaro però che i registri sono solo un passo, serve una legge seria che regoli le coppie di fatto». 

Sei molto attiva su Twitter, chi utilizza bene il social tra i politici e chi male?

«I big della politica lo utilizzano tutti male. Lo usano come megafono per i comunicati stampa e non hanno capito che così non serve a nulla. Sono bravi Crosetto, Veltroni, Gentiloni, Roberta Pinotti. E Renzi, anche se ora ha un po’ abbandonato».

Cosa vedete in tv tu e Ricarda la sera sul divano?

«Confesso: Ricarda, che è criminologa, mi costringe alla visione di polizieschi in lingua tedesca con traduzione simultanea. Tra l’altro in questi telefilm le figure forti sono quasi tutte donne, ci sono delle commissarie tostissime». 

Se fossi single e potessi invitare a cena una cantante, una conduttrice tv e una politica, chi sceglieresti?

«Della tv Myrta Merlino e Tiziana Panella le porterei a cena volentieri. Tra le donne in politica senz’altro Angela Merkel e Hillary Clinton. Cantanti Joss Stone e Annie Lennox». Interviene nella discussione Ricarda: «Annie Lennox va a dormire alle nove di sera». «Beh allora un pranzo. E poi scusa tu che ne sai delle sue abitudini dopo cena?».  Ridono. 

Si parla molto di privacy in questi giorni. Cosa hai più paura che venga intercettato tra: A) Le tue conversazioni con Ricarda. B) I tuoi mms. C) I tuoi giudizi sui politici?

«Non ho dubbi. Le mie conversazioni con Ricarda. Quello che penso dei politici l’ho sempre detto chiaro e tondo, mentre quello che ci diciamo io e Ricarda su Skype potrebbe riservare qualche sorpresa!».  

Un amore vero, il vostro. A proposito, che ne pensi delle dichiarazioni della Minetti sull’amore vero tra lei e Silvio?

«Ci mancava pure che non dicesse che era amore vero, con tutti i soldi che le ha dato. Io la chiamerei gratitudine. Berlusconi del resto è circondato da donne grate d’essere stipendiate».

Visto che siamo in tema gara di tuffi, chi butteresti dal trampolino tra Grillo e Renzi?

«Grillo. Nonostante condivida molte delle sue battaglie, ha imbarbarito il clima e questo clima non mi piace».

Tra la Santanchè e la Biancofiore?

«La Biancofiore tutta la vita. Daniela è una donna intelligente, sebbene non condivida nulla di quello che dice».

Tra Vespa e Mentana?

«Vespa per ragioni anagrafiche. È ora di rottamare anche in tv».

Tra Bossi e Borghezio?

«Borghezio. Lui è la Biancofiore al maschile».

Sto per chiudere l’intervista e farle l’in bocca al lupo per il suo programma, quando sento Ricarda, dall’altro capo del telefono, che dice ridendo: «La verità è che Anna Paola ora vuole fare la velina!».  «E tu mi vorresti anche velina?». «Ma sì!». 

Se dopo Stasera mi tuffo, con la tv la Concia ci prenderà gustonon lo possiamo sapere, ma di scuro meglio lei in versione Canalis che Renzi versione Fonzie.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aresfin

    aresfin

    12 Giugno 2013 - 14:02

    Dopo essersi assicurata una lauta pensione (dicendo di solito cazzate di sinistra), ora si gode la vita alla faccia di tutti gli italiani.

    Report

    Rispondi

  • ivrea

    12 Giugno 2013 - 10:10

    Immolate sull'altare dei principi elevati, una volta segate, non disdegnano a fare ciò che hanno sempre rigettato.

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    12 Giugno 2013 - 10:10

    non è che ha detto"la vecchina"?

    Report

    Rispondi

  • arwen

    12 Giugno 2013 - 09:09

    Dopo Luxuria ha scoperto che la visibilità ottenuta con la politica paga nello spettacolo. A quando il primo libro? Moralità di sinistra.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog