Cerca

La reazione

Fornero e le pensioni d'oro: l'ex ministro contro la sentenza della Corte Costituzionale

L'ex ministro Elsa Fornero

Elsa Fornero piange ancora. Ha lasciato la poltrona di ministro del Welfare ma continua a versare lacrime (in questo caso di coccodrillo). Questa volta piange per una cosa (buona) che aveva fatto ma che la Corte costituzionale le ha boccciato. E' la tassa sulle pensioni d'oro: un prelievo tra il 5 e il 15% sugli assegni superiori a 90 mila euro l'anno. Un provvedimento contenuto nell'ormai tristemente famoso "decreto Salava-Italia". L'ex ministro, in una lettera al Corriere della Sera, spiega che quella tassa era un segno di "equità tra le generazioni.  Le pensioni più alte sono generalmente calcolate con il metodo "retributivo". Non ha importanza quanti contributi si siano versati nella propria vita, quello che conta sono le ultime retribuzioni incassate. Questo significa che si incassa più di quello che si è versato. Il conto, però, lo paga le giovani generazioni che andranno, per altro, in pensione con il calcolo contributivo.

Le ragioni di Elsa - Secondo la Fornero implicitamente "si afferma che se la retribuzione è il corrispettivo di una prestazione di lavoro, la pensione dovrebbe essere il corrispettivo dei contributi versati sul reddito di lavoro". Ma, è questa la sintesi del pensiero di Elsa, "ciò non accade, come ho cercato di spiegare, per le pensioni retributive, che premiano indebitamente (cioè in modo sostanzialmente slegato dai contributi) proprio i redditi più elevati e non sono pertanto figlie di un regime di corrispettività, bensì della logica del privilegio". L'ex ministra bolla quindi la decisione come un regalo che viene fatto dalla Corte a chi è già ricco. Secondo la Fornero la sentenza della Corte Costituzionale che nega la possibilità di tassare questo privilegio  rischia "di minare il senso di equità sociale di tutta la riforma pensionistica". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Tobyyy

    13 Giugno 2013 - 01:01

    Fornero e Corte Costituzionale ? Uno peggio dell'altro, due flagelli del popolo Italiano, sanguisughe, rei di proteggere la casta degli intoccabili, quella casta dalle pensioni d'oro...! Mentre il Paese affonda, le famiglie soffrono, i disoccupati non sanno come andare avanti, i poveri esasperati si uccidono, queste facce di bronzo, rimbecilliti parrucconi della corte costituzionale, spudoratamente legittimano le pensioni milionarie, mentre ci sono persone anziane che non sanno come tirare avanti la giornata....!!! La colpa è la nostra che ancora non li buttiamo fuori a pedate...!!!

    Report

    Rispondi

  • pasquino del3mi

    13 Giugno 2013 - 00:12

    Ma quando la gente impara, a questi signori che hanno distrutto questo paese, che hanno sperperato il denaro pubblico, gli diamo pure la pensione d'oro, mi spiace che non siamo ancora all'impero romano, ne godrei enormemente, ma altro che galera

    Report

    Rispondi

  • sgnacalapata

    12 Giugno 2013 - 18:06

    ed a molti altri, non fanno la rivalutazione annuale!

    Report

    Rispondi

  • rufolo

    12 Giugno 2013 - 17:05

    Che schifo!!!Fino a quando non si porranno delle norme precise, costituzionalmente, questi signori fanno i loro comodi, non rispondono del loro operato a nessuno per cui il popolo , che paga i loro salati stipendi, che ci sta a fare.Adesso che c'è la sinistra al governo, anche se brevemente, ne vedremo delle belle. Il popolo italiano tutto questo si merita finchè non impararera a votare con la testa e non con il culo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog