Cerca

Vertice azzurro a Palazzo Grazioli

Pdl, Alfano è il "vaso di coccio": non può alzare la voce con il governo

Possibile l'ingresso di Fitto nella squadra dei coordinatori. Ma il Cav rinvierà la riorganizzazione del partito a quando il suo quadro giudiziario sarà più chiaro

Tornato a Roma da Arcore, dove ha visto Daniela Santanchè e il sindaco "formattatore" Alessandro Cattaneo, Silvio Berlusconi vedrà questa sera a Palazzo Grazioli i vertici del Pdl per fare il punto sul partito dopo la batosta beccata alle elezioni amministrative. L'unica decisione operativa potrebbe essere quella di azzerare le cariche locali (i vari coordinamenti regionali, provinciali e cittadini) al fine di tagliare le spese (anche per le sedi) e risparmiare. Ma è possibile che il Cav metta mano anche al "quadro" dei coordinatori, affiancando ai due esistenti un terzo nome, che potrebbe essere quello dell'ex ministro e governatore della Puglia Raffaele Fitto.

Assai probabile, invece, che Berlusconi scelga di rimandare a quando il quadro giudiziario sui processi in cui è imputato sia più chiaro. Anche perchè in molti, nel Pdl, vedono nell'attuale segretario Angelino Alfano il "vaso di coccio" ai vertici del partito. Essendo anche vicepremier e ministro dell'Interno, sostiene un big azzurro, Alfano penalizzerebbe gli azzurri in termini di visibilità e di critica alle scelte del governo, anche rispetto al segretario Pd Guglielmo Epifani che può permettersi di alzare di più la voce contro l'esecutivo, non facendovi personalmente parte. ma mettere mano alla posizione di Alfano nel partito potrebbe avere ripercussioni sul governo, cosa che il Cav vorrebbe assolutamente evitare, almeno fino a quando non sia più chiaro il suo personale quadro giudiziario.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • futuro libero

    13 Giugno 2013 - 16:04

    cambiare il partito ok ma solo se vengono cambiati i propositi.Devi trovare persone capaci serie che non hanno paura di fare sacrifici monetari e che saranno premiate solo se faranno proposte vere, i futuri politici devono partire con stipendi simili a tutti i lavoratori che non vogliono solo rincorrere poltrone che firmano un contratto con il popolo che se si candidano in questo partito e poi cambiano idea si devono dimettere dal parlamento,persone che si occupano solo del paese,il potere e la poltrona gliela daranno la gente se avranno lavorato bene.Occorre lavorare più sul territorio.

    Report

    Rispondi

blog