Cerca

Erario beneficiario

I giudici: i 16 milioni sottratti da Lusi alla Margherita finiranno allo Stato

Luigi Lusi

Luigi Lusi

Finiranno all’Erario, attraverso il ministero dell’Economia, e non al disciolto partito della Margherita, gli oltre 16 milioni di euro, tra conti correnti e immobili (al momento sotto sequestro), di cui si è appropriato indebitamente l'ex tesoriere Luigi Lusi tra il 2007 e il 2011. Lo ha deciso la Corte dei Conti. Lusi era chiamato a rispondere di un danno erariale per oltre 22 milioni di euro (cui vanno tolti i sei milioni di tasse già pagate) per la illecita gestione dei fondi ricevuti dal partito a titolo di rimborso per le spese elettorali. 

L'ordinanza - Il presidente relatore Ivan De Musso e i consiglieri Luigi Impeciati e Cristiana Rondoni, nell’ordinanza di sei pagine, danno atto della dichiarazione di Lusi di "ammettere la propria responsabilità amministrativa" e di "non contestare il danno derivante dalla sua illecita gestione dei fondi ricevuti dal partito", oltre alla "volontà di restituire la somma nella misura di 16.555.776 euro, ridotta cioè di 6.254.424", che l’ex tesoriere "assume di aver già versate all’erario per imposte e tasse". "Tempi e modalità del pagamento della somma che si è impegnato a restituire - scrivono ancora i magistrati contabili - saranno concordati direttamente dal dottor Lusi con il ministero dell’Economia e delle Finanze" perché "sussiste "l'interesse pubblico alla immediata acquisizione da parte dell’Erario della somma non contestata". L’ordinanza - è la decisione del presidente De Musso - sarà comunicata, oltre che alle parti costituite (procura regionale, difensori di Lusi e il legale dell’associazione Democrazia è Libertà-La Margherita), anche ai presidenti di Camera e Senato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gilucas

    13 Giugno 2013 - 16:04

    Siamo tutti più sollevati, redenzione avvenuta. Ma non per i nostri culi infranti.

    Report

    Rispondi

  • futuro libero

    13 Giugno 2013 - 16:04

    e poi ritornano a casa con la promessa che i soldi andranno allo stato.Come possiamo fare per controllare? Ogni cittadino ha in mano un dettagliato bilancio dell'azienda STATO? Quelli di dx invece devono andare e restare in carcere.

    Report

    Rispondi

  • grooltor

    13 Giugno 2013 - 15:03

    ... che il prossimo passo potrebbe essere la nazionalizzazione di Mediaset ahahahhahaha :D

    Report

    Rispondi

  • encol

    13 Giugno 2013 - 14:02

    Certamente che i soldi indebitamente sottratti vanno resi al Tesoro. Noi cittadini di uno STATO sempre più indecente dobbiamo sperare che la stessa strada sia seguita per tutti i LADRI istituzionali, cioè per oltre l'80% di coloro che ancora siedono in parlamento e chi li ha preceduti. Non dimentichiamo che la miglior industria di questo paese è il furto legalizzato, anche il famigerato e vergognoso vitalizio lo è.

    Report

    Rispondi

blog