Cerca

Dai trans ai dem

De Giorgi, il gay di Monti
torna al Pd

Il candidato dal sobrio Prof al Senato e poi depennato dalla lista dei moderati per via delle foto con le drag queen è nella squadra del neosindaco di Viareggio

Alessio De Giorgi con un'amica

Alessio De Giorgi torna al primo amore: il Pd. Ricorderete il «gay di Monti», candidato dal sobrio prof al Senato e poi depennato dalla lista dei moderati per via di certe foto con le drag queen a seno scoperto? Da ieri è ufficialmente nella squadra del neo-sindaco di Viareggio, il renziano Leonardo Betti, che lo ha voluto come comunicatore. De Giorgi è uno degli omosessuali più noti e modaioli d’Italia ed è sempre stato più vicino al Pd di Renzi, che all’Udc. Monti l’aveva imbarcato (e poi cacciato) ignorando che il titolare di vari locali gay-friendly della Versilia fosse indagato per reati ambientali e risultasse proprietario di siti un po’ particolari. Ma ora la novità: «De Giorgi centravanti di sfondamento nella squadra di Betti», ha titolato la Gazzetta di Viareggio. Niente di male sui gusti sessuali, ma il Pd non è il partito contrario agli indagati?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • perfido

    19 Giugno 2013 - 14:02

    Vuol dire che c'è poco interesse per gli "invertiti" del PD. Invece, tanti postati sull'amore che prevale sull'odio, contro i BERLUSCONES.

    Report

    Rispondi

  • eureka.mi

    17 Giugno 2013 - 13:01

    Il Pd accoglie tutti coloro che vengono scartati da altri partiti: basta fare numero! Se poi nascono scandali sotto l'egida del Pd viene tutto insabbiato, vedi Mps, escort a Firenze, supermercati aperti dove altri non possono, ecc. Ecc. Ecc.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    16 Giugno 2013 - 09:09

    Moralità di sinistra!

    Report

    Rispondi

blog