Cerca

Larghe intese a rischio

Ribaltone Pd-dissidenti 5 stelle
Berlusconi carica i suoi:
"Non riusciranno a farci fuori"

Ribaltone Pd-dissidenti 5 stelle
Berlusconi carica i suoi:
"Non riusciranno a farci fuori"

Renato Brunetta prega che il sogno di Pier Luigi Bersani si avveri. «Io», proclama speranzoso il capogruppo del deputati del Pdl contattato da Libero, «sarei felicissimo se il Pd facesse un governo con i grillini. Durerebbe tre mesi, al termine dei quali andremmo subito alle elezioni, dove vinceremmo noi con il 60 per cento dei voti. Come diceva Fantozzi: faccino, faccino pure. Li voglio vedere». Non tutto il Pdl la pensa così. Il ministro per le Riforme Gaetano Quagliariello, professore universitario come Brunetta, auspica l’esatto opposto: «Voglio troppo bene a questo Paese per augurarmi che finisca nelle mani di un governo raccogliticcio formato da Pd e grillini. Anche perché non potremmo comunque andare alle elezioni in pochi mesi, visto che non abbiamo la legge elettorale. E prima che si vada al voto questi ci potrebbero massacrare. Sarebbe meglio per l’Italia che noi fossimo l’anima riformatrice di questo governo, riformassimo lo Stato e scrivessimo le nuove regole assieme al resto di questa maggioranza, e solo dopo andassimo alle elezioni. Avremmo costruito le premesse per battere la sinistra in un quadro che non sarebbe più di guerra civile strisciante». 

In difesa del governo si schierano anche Mara Carfagna, portavoce del gruppo Pdl alla Camera (quello di cui Brunetta è presidente), convinta che «l’esecutivo di Enrico Letta è l’unico possibile», e la vicecapogruppo di Montecitorio, Mariastella Gelmini, per la quale «pensare di sostituire il Pdl con alcuni esponenti del Movimento 5 Stelle è una operazione che forse numericamente potrebbe riuscire, ma che politicamente è del tutto inaccettabile». Daniela Santanché giudica invece impossibile la manovra tentata da Bersani: «È un’operazione di corto, cortissimo respiro, che non vedrà mai la luce».  E Silvio Berlusconi? Come al solito, nel Cavaliere si riassume tutto quello che si dice e si pensa dentro al Pdl. È lui che dà carta bianca a Brunetta e Renato Schifani, quando criticano i ministri con toni bruschi (ma ieri i due capigruppo hanno avuto solo parole al miele per l’esecutivo). Ed è sempre lui che dice ad Enrico Letta e a Quagliariello che il governo deve andare avanti con le riforme, il più velocemente possibile. Come è abituato a fare in simili situazioni, il fondatore del Pdl gioca su più tavoli, almeno sino a quando non sono chiare tutte le variabili della partita. E stavolta le variabili decisive sono le tasse: il sostegno al governo Letta è forte, ma condizionato al taglio dell’Imu e al mantenimento dell’Iva sui valori attuali. 

 

 Leggi l'approfondimento di Fausto Carioti 
su Libero in edicola domenica 16 giugno

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • frank-rm

    16 Giugno 2013 - 13:01

    Non riusciranno a farci fuori, ci riusciremo da soli mandando in campo personaggi come Santanchè, Bernini, Biancofiore e Gelmini, le più amate dagli Italiani!!!

    Report

    Rispondi

  • giggino1977

    16 Giugno 2013 - 13:01

    Chi di spada ferisce di spada perisce. Avete tifato per la spaccatura dei 5 stelle ? E mo pigliatevela ner c..o !

    Report

    Rispondi

  • peroperi

    16 Giugno 2013 - 13:01

    io lo votai per anni. Poi resomi conto che gli anni passavano anche per me e la mia situazione economica personale non migliorava ma era imbottita di speranze e di chiacchere, ho smesso di votarlo. Grillo ha sbagliato ma ha creato una situazione per cui il popolo degli astensionisti al momento opportuno esce spariglia le carte e fa paura a tutti. Ecco perche' il PD ha tutto l'interesse a ingoiare il rospo grillino e mandare in galera o in pensione berlusconi e tutto il suo seguito. Purtroppo ci aspetteranno anni di tassazioni inique e liberticide oltre ad una serena povertà come dice il milionario Grillo.Chi puo' si metta in politica o si faccia assumere nell'apparato ammiunistrativo. Non so se i miei figli vivranno in un'Italia migliore. Certamente io no. Berlusconi si inventerà un'isoletta super tecnologica dove ospitare capi di stato e veline con il beneplacito del nuovo governo.

    Report

    Rispondi

  • africano

    16 Giugno 2013 - 12:12

    Le grandi manovre sono tutte in funzione del D Day, quello in cui la Consulta si pronuncerà sul legittimo impedimento di Berlusconi al processo Mediaset. Più che a Berlusconi il messaggio degli estremisti è rivolto a Napolitano e alla Corte Costituzionale, ed è questo: "Non abbiate paura a respingere il ricorso di Berlusconi. Se infatti lo respingete noi siamo pronti a fare un governo con i dissidenti grillini, quindi non ci pensate a sciogliere le Camere". Ma dimenticano un piccolo particolare: sarà Scelta civica disponibile ad un governo con 20 senatori grillini (se ci sono davvero)? E quanti tra i cattolici del PD sosterranno questo golpe?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog