Cerca

Università e ricerca

Che gaffe il ministro:
assume l'addetto stampa
con un bando illegittimo

Che gaffe il ministro:
assume l'addetto stampa
con un bando illegittimo

Quasi 6 milioni di disoccupati, cassintegrati, precari, esodati. Sembra un paradosso che proprio nell’anno della crisi occupazionale peggiore che l’Europa ricordi (26 milioni di inoccupati a livello continentale) al ministero dell’Università e della Ricerca scientifica (Miur) facciano fatica a trovare un nuovo capo ufficio stampa. Eppure il compenso - per questo contratto a termine che durerà quanto il traballante governo Letta - è di tutto rispetto: 75.151 euro (e 98 centesimi). Lordi ovviamente. Per fare cosa? Ricostruire il sito internet, attivarsi con i social network e mettere in piedi la comunicazione del ministero. 

Non ci sarebbe nulla di nuovo - le funzioni fiduciarie dei ministeri sono tradizionalmente affidate ad personam dai titolari - neppure per il neoministro Maria Chiara Carrozza , se non fosse che il bando pubblico (del 7 giugno sul sito del ministero), è illegale. O meglio non rispetta la legge. Infatti non prevede minimamente che a svolgere funzioni giornalistiche sia un iscritto all’Ordine. Forse Carrozza, o il capo di gabinetto che ha firmato il bando, Luigi Fiorentino,  per svecchiare la piattaforma on line preferiscono  pescare sul libero mercato rifiutando i paletti imposti dalla casta degli ordini professionali. Peccato che il bando (scade domani il 17 giugno, neppure uno yogurt resta in frigo così poco) sia stato intercettato anche dal Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti che nei giorni scorsi, con un telegramma, ha richiesto «l’immediata modifica dell’avviso»  per «palese illegittimità rispetto al vigente ordinamento in tema di disciplina delle attività di informazione e comunicazione della Pubblica Amministrazione». Il Miur», è la contestazione del Consiglio nazionale, «ha, infatti, pubblicato un invito a presentare entro il 17 giugno 2013 manifestazioni di interesse per la copertura del posto di Capo Ufficio Stampa del ministero», «omettendo di citare tra i requisiti di partecipazione l’iscrizione obbligatoria all’Albo dei giornalisti, come tassativamente indicato dall’art. 9 della legge n. 150/2000 e specificato dall’art 3 del regolamento applicativo».

Spulciando la richiesta si scopre che il ministro Carrozza non vuole solo una valanga di curriculum da vagliare, ma chiede anche un particolareggiato piano di comunicazione, «un progetto editoriale della estensione massima di tre cartelle (A4)», specifica il bando. Forse il capo di gabinetto è un po’ indaffarato, forse il ministro ha troppo da fare in questa concitata fase per conoscere la legge in materia però al ministero - per gli uffici in diretta collaborazione - sanno bene come comportarsi. Alla Corte dei Conti (così come alla Ragioneria) il bando inusuale e illegale non è passato inosservato. O il ministero allungherà le scadenze per correggere la “svista” oppure qualcuno finirà nei guai. Va bene il rapporto fiduciario, però è lecito attendersi che questo genio incompreso della comunicazione istituzionale (forse già individuato, malignano al ministero) abbia perlomeno i requisiti di legge per incassare 75mila euro. Insomma, delle due l’una: o qualcuno che scrive e firma i bandi è incompetente oppure  è in malafede.

Antonio Castro

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pachi3066

    17 Giugno 2013 - 23:11

    Ma, fatemi capire, da 15 anni ho ricoperto ruoli da direttore della comunicazione (compreso la gestione,tra le altre attività, di uffici stampa) per multinazionali e organizzazioni internazionali, in Italia e all'estero, e non potrei essere capo ufficio stampa di un ministero in Italia, perché non sono iscritto all'albo dei giornalisti? Tra l'altro, avrei anche una laurea in Comunicazione col massimo dei voti conseguita nel '98. Ma la vogliamo finire con questi anacronistici privilegi corporativi? Apriamo al mercato, al merito e alle competenze e facciamo ripartire questo paese un volta per tutte!!

    Report

    Rispondi

  • pinco

    16 Giugno 2013 - 17:05

    Perchè allora non istituire l'albo dei fruttaroli, dei mungitori di vacche? L'albo dei grattacheccari e quello dei venditori di pentole? Capisco istituire albi per le professioni che richiedono anni di studio e competenze tecniche. Ma l'albo dei giornalisti a che cazzo serve? Qualsiasi imbecille anche non laureato è in grado di scrivere un articolo su un giornale (Giannino docet). Non tutti sono capaci di progettare un ponte, di fare un trapianto di cuore o di difendere un imputato in un processo. Ma l'albo dei giornalisti a cosa serve? Ha ragione la ministra: se la legge è ingiusta è giusto non rispettarla! Che sia berlusconiana?

    Report

    Rispondi

  • Uchianghier

    Uchianghier

    16 Giugno 2013 - 12:12

    Fate come vi dico io ma non fate come vi frego io.

    Report

    Rispondi

  • FRAGO

    16 Giugno 2013 - 11:11

    Chi è il responsabile? Spero si sappia e paghi i suoi errori e incompetenza, sempre che non dica che ha agito su direttive del Ministro che, in questo caso,essendo di sinistre è irresponsabile e non punibile. Quanto all'ordine quando lo aboliamo?

    Report

    Rispondi

blog