Cerca

Arrivano le sentenze

L'assedio togato al Cavaliere:
da Mediaset al caso Ruby
due settimane di fuoco

L'assedio togato al Cavaliere:
da Mediaset al caso Ruby
due settimane di fuoco

Silvio Berlusconi lo ripete quasi fosse un mantra: "So che mi stanno per dare dei dolori, ma questo non deve avere conseguenze sulla tenuta del governo". Il Cav, all'esecutivo Letta, ci crede. Lo ha ribadito solo poche ore fa, nella giornata di domenica 16 giugno, spiegando che il lavoro delle larghe intese deve proseguire. Nemmeno l'assedio togato contro il leader del Pdl può scalfire l'asse centrodestra-centrosinistra. E proprio dal punto di vista giudiziario i prossimi 15 giorni, per Berlusconi, saranno tra i più intensi della sua vita.

"Giudici di sinistra" - Domenica il Cav è stato chiuso ad Arcore tutto il giorno a occuparsi di politica, senza pensare alle grane giudiziario (un solo commento in merito: "Ribadisco quello che ho detto tante volte, alla Consulta c'è una maggioranza di giudici di sinistra"). Ma le due settimane di passione incombono: giugno 2013, per il Cav, resterà negli annali per l'alta concentrazione di processi e decisioni giudiziarie. Si comincia dopodomani: la Consulta in camera di consiglio decide sul legittimo impedimento del marzo 2010 nel processo Mediaset. 

Le scadenze - Seconda "tappa", lune 24 giugno, quando si chiuderà a Milano il processo Ruby con la sentenza di primo grado. Il 27 giugno ci sarà un doppio appuntamento. Il primo, a Napoli inizia l'udienza preliminare per la presunta compravendita del senatore De Gregorio. Il secondo, a Roma, in Cassazione, va in scena l'ultimo atto della vicenda Mondadori-Fininvest. In parallelo, sul fronte politico, ci sarà la battagli sull'ineleggibilità al Senato, che però non troverà una soluzione in tempi brevi. 

I timori - Berlusconi non è del tutto ottimista. Sospetta che, ineleggibilità a parte, la questione giudiziaria gli riserverà qualche amara sorpresa. In primis, la Consulta potrebbe bocciare il legittimo impedimento, spalancando così le porte verso l'ultimo grado di Cassazione. Pessimismo, inoltre, anche sul fronte del processo Ruby, dove in primo grado difficilmente Berlusconi eviterà una condanna. Fari puntati, infine, sul lodo Mondadori: una questione che potrebbe costare al Cav 560 milioni di euro, il risarcimento all'Ingegner De Benedetti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • antonimo

    20 Giugno 2013 - 11:11

    Moro fu eliminato "manu militari", Craxi fu fatto morire in esilio, ora è di tutta evidenza che l'uomo da "eliminare" è Berlusconi. Per i traditori del Paese, l'Italia deve essere "sottomessa" a tutti i costi e deve essere governata solo dai servi della "trioka". Il popolo, pompato ad arte dai media appecoronati, si illude che, eliminato Berlusconi, si apriranno orizzonti radiosi, senza capire che sarà ridotto ad un mandria di pecore belanti portata al macello proprio da quelli che adesso sproloquiano sguaiatamente di "legalità" e di "giustizia", concetti nobilissimi che in bocca a questi cialtroni, suonano come la più oscena delle beffe. Un film già visto, la differenza con Craxi è che adesso non tutti gli italiani sono in preda al sonno della ragione al punto da dare manforte a coloro che lavorano per la loro definitiva rovina.

    Report

    Rispondi

  • brunodeberardis1

    19 Giugno 2013 - 13:01

    e se il berlusca ha ragione

    Report

    Rispondi

  • manuelebonbon

    17 Giugno 2013 - 17:05

    ehi, calmati ciccioto bello. Che t'è successo ? I cattivoni ti han rubato le figurine di silvio e la fidanzatina e tu non sai più come passare le giornate ?

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    17 Giugno 2013 - 16:04

    ops!!! mentre scrivevo pensavo al governo e mi è uscito Letta. Intendevo Epifani, naturalmente

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog