Cerca

Sirene a Piazzale Clodio

Lusi rifiuta l'interrogatorio poi ha un malore

Crisi di ipertensione: l'ex tesoriere della Margherita viene portato via in barella dal 118

Lusi rifiuta l'interrogatorio poi ha un malore

Luigi Lusi

L'ex rutelliano Luigi Lusi, sotto processo per appropriazione indebita di oltre 23 milioni di euro dalle casse dell'estinta Margherita, ha lasciato le aule del processo in ambulanza. Uscito dall'aula di Piazzale Clodio e accompagnato dalla moglie Giovanna Perticone (coinvolta nella stessa indagine e condannata dopo patteggiamento a un anno di reclusione), l'ex tesoriere del partito ha accusato un malore. E' intervenuto il medico del tribunale che ha poi deciso di inviare l'ex politico al pronto soccorso piu' vicino. E gli avvocati,  Luca Petrucci e Renato Archidiacono, comunicano prontamente la rinuncia di Lusi all'interrogatorio: "Lusi - ha detto uno dei penalisti in aula - è già stato sottoposto a lunghi interrogatori per oltre 20 ore. Intende confermare quanto già detto e per questo rinunciamo al suo esame e presentiamo i 61 documenti". Il presidente, Laura Di Girolamo, ha poi rinviato l'udienza all'11 ottobre prossimo. 

I precedenti - Attualmente Lusi è agli arresti domiciliari presso il Santuario della Madonna dei Bisognosi vicino Carsoli in provincia dell'Aquila. E' indagato per aver sottratto i soldi dei rimborsi elettorali grazie all suo incarico di tesoriere della Margherita, creando una contabilità parallela, sfuggita ai controlli dei revisori dei conti perché prelevati in piccola quantità. Secondo l'accusa i soldi sarebbero stati trasferiti in Canada, frazionati in novanta bonifici, sul conto della società TTT srl e Paradiso, della quale era unico proprietario. Infine, approfittando dello scudo fiscale, avrebbe fatto rientrare il capitale, investendo in immobili a Roma e in altre provincie, usando i parenti come prestanome. Il 31 gennaio 2012 su segnalazione della Banca d'Italia, Luigi Lusi è stato iscritto nel registro degli indagati della Procura della Repubblica di Roma: l'accusa è appropriazione indebita per aver sottratto la somma di circa 23 milioni dalle casse della Margherita, per scopi personali.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • caronte37

    24 Giugno 2013 - 07:07

    Lei è forte blu521, ha ragione, ma Lusi non merita alcuna considerazione. Pertanto, malgrado lo strafalcione, l'Eterno dovrebbe accontentare Pistolobollente. Non crede?

    Report

    Rispondi

  • blu521

    22 Giugno 2013 - 09:09

    E' una finezza usare la minuscola per l'Eterno. Ma per entrare nell'empireo bisogna iniziare con il congiuntivo e seguitare con l'indicativo. Lei ha un cuore di leone: niente la spaventa.

    Report

    Rispondi

  • pisolobollente

    21 Giugno 2013 - 17:05

    che dio allargasse le braccia e accoglie un altro delinquente ... uno in meno evviva !!!!!!

    Report

    Rispondi

blog