Cerca

L'intervista

Berlusconi: "Pieno sostegno a Letta, ma via l'Imu dalla prima casa"

Il Cav ha le idee chiare: "Via l'imposta sulla casa, stop all'Iva e zero tasse per chi assume giovani e disoccupati"

Berlusconi ed Enrico Letta

Berlusconi ed Enrico Letta

Il Cav non molla. Il governo Letta, per ora, è al sicuro. Silvio Berlusconi non vuole rovinare l'avventura dell'esecutivo. Nonostante il momento poco felice, dopo la sentenza del processo Ruby, il Cav promette ancora lealtà al premier e assicura il pieno sostegno al governo. Per farlo sceglie un vecchio amico, Emilio Fede. In un'intervista a La Discussione, il giornale guidato dall'ex direttore del Tg4, Berlusconi tende la mano a  Letta: "Il nostro sostegno leale al governo non è in discussione. E proprio perchè vogliamo che la sua azione abbia successo, ci sentiamo in dovere di incalzarlo e stimolarlo perchè mantenga gli impegni e faccia sempre meglio. Questo governo costituisce un'occasione storica per l'Italia".

Fatti, non parole -  Il Cav dunque vuole proseguire con le larghe intese ma a patto che Letta dia seguito alle parole con i fatti. "E' vero la gente sta male, e dai politici non accetta più di sentirsi dire 'faremo questo, faremo quello', ma vuole fatti concreti e li vuole subito". Berlusconi ha le idee chiare e detta un'agenda al governo: "Serve un'azione concreta di rilancio dell'economia. Questo deve essere il primo obiettivo del governo, un governo che noi sosteniamo lealmente e che continueremo a sostenere se varerà i provvedimenti indicati negli accordi. Via l'Imu sulla prima casa, no all'aumento dell'Iva, tassazione zero sulle assunzioni dei giovani e dei disoccupati". Insomma Letta può stare al sicuro se riesce a portare avanti questi punti che stanno a cuore al Cav e a milioni di italiani.

Nessuna paura in Europa -  Berlusconi sa bene anche che la partita per l'uscita dalla crisi si gioca in Europa: "L'Europa e l'euro sono oggi il vero banco di prova su cui si misura la leadership dei capi di governo dell'eurozona. Quando ho invitato il premier Letta a fare un braccio di ferro con la Merkel per correggere le storture evidenti della politica europea non intendevo sminuire il ruolo del presidente del Consiglio, ma rafforzarlo. Purtroppo sono stato frainteso. Ma il vero significato di questo braccio di ferro è la difesa indispensabile dei nostri interessi". Ora tocca a Letta. Il Cav la sua parte l'ha già fatta. (I.S)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    29 Giugno 2013 - 17:05

    Lavitola, Cosentino, Tarantini, Fede, Verdini, Berruti ecc.ecc..ecc.. Esscluse le vecchie amiche. Sono ormai ''vecchie''.

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    28 Giugno 2013 - 10:10

    attualmente i "compatrioti" di Letta sono i Ministri della PDL, con Alfano in testa: sono loro che stanno elaborando, suggerendo e sostenendo le scelte del governa, istigati da Burlesque. Sembra sempre che voi maldestri qui scribacchianti, siate all'opposizione.

    Report

    Rispondi

  • gicchio38

    28 Giugno 2013 - 08:08

    ORAMAI SONO STUFO DI RIPETERE COMUNQUE DI STARE ALLERTA, DI CONTROLLARE E TENERE SULLA CORDA LETTA E I SUOI "COMPATRIOTI" VECCHI COMUNISTI SEMPRE PRONTI A TRADIRE E A CALPESTARE IL POPOLO. LA STORIA LI CONOSCE COME "STATALISTI". CIOE' IL POPOLO AL SERVIZIO DEL GOVERNO E NON VICEVERSA COME LA VEDE IL PDL. CON IL FRITTO MISTO CATTOCOMUNISTI POI SONO ANCORA PIU' FETENTI. ALLERTA E SBIANCATELI SUL SERIO E NON COME IL FIGLIO DI ME ..........CCANICO CHE HA FATTO UNA FIGURA DI CANE DI FRONTE A TUTTO IL POPOLO ITALIANO, QUELLO BIANCO E PULITO E NON ROSSO E SPORCO.

    Report

    Rispondi

  • androide

    28 Giugno 2013 - 07:07

    MA NON AVEVI DETTO CHE RESTITUIVI ANCHE IMU...????

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog