Cerca

Pentastellati pentiti

Fuga dal M5s: se ne va anche la senatrice Anitori

Fuga dal M5s: se ne va anche la senatrice Anitori

Continua la fuga dal M5s. Ad abbandonare la nave alla deriva di Beppe Grillo è oggi la senatrice Fabiola Anitori, che ha annunciato il suo passaggio al gruppo Misto. Le motivazioni sono sempre le stesse e hanno a che fare con la scarsa democrazia interna: "Non riconosco più l’impostazione iniziale del Movimento che è diventato proprio quel partito personale dallo stesso tanto criticato, con un sistema feudale di fedeltà che respinge o espelle chi dissente, chi non si allinea”, spiega. 

E' la settima "fuoriuscita" - La Antonori è la settima pecorella a lasciare i pentastellati: prima di lei c'erano stati gli espulsi Nino Mastrangeli e Adele Gambaro e gli addii di Paola Del Pin, Vincenza Labriola, Alessandro Furnari e Adriano Zaccagnini, senza contare i consiglieri regionali Federica Salsi e Giovanni Favia, epurati per le loro incursioni televisive, mal digerite dal guru dei Cinque stelle. 

L'attacco ai 'talebani' - La senatrice Anitori, eletta nel Lazio, spiega così la sua decisione: "Gli avvenimenti registrati all’interno del M5S negli ultimi mesi mi hanno profondamente segnata, peraltro in un periodo molto delicato della mia vita”. Poi attacca alcuni dei suoi compagni d'avventura, quelli che la parlamentare Paola Pinna in un'intervista a Piazza Pulita aveva definito "Talebani": "Ogni tentativo di costruzione di una scelta politica, sulla base del confronto inteso come ricerca di punti di incontro, viene etichettata come tradimento o inciucio e ciò costringe a un immobilismo e una stagnazione che non porta da nessuna parte". 

Nel M5s non c'è democrazia - L'ultimo affondo lo riserva a Grillo, alle sue promesse mancate, al suo vendere illusioni di rinascita e democrazia, tradite dopo l'ingresso del M5s in Parlamento: "Io credo e ho creduto al messaggio politico del cambiamento da attuare, però, attraverso il confronto democratico, sia interno che esterno, che ritengo un valore, una virtù repubblicana irrinunciabile e che non ritrovo nel Movimento".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pasquale_tibur

    29 Giugno 2013 - 12:12

    Non stimo coloro che lasciano un partito e una lista civica che li ha fatti eleggere, per divergenze o altro, per poi passare in un altro partito o, peggio ancora, per inserirsi nel gruppo misto, cioè in attesa di un’occasione. L’etica, le regole deontologiche e civili imporrebbero di dimettersi e lasciare la poltrona ad altri.

    Report

    Rispondi

  • guidoboc

    28 Giugno 2013 - 20:08

    La senatrice sara' andata in fregola

    Report

    Rispondi

  • 19gig50

    28 Giugno 2013 - 20:08

    Nelle mire del pd c'è l'opportunità di scalzare il PdL e formare il governo con i dissidenti del m5s e i perversi della sel. Sono convinti che con questa ammucchiata potranno governare il paese e guidarlo allo sfacelo. Anche nel Centro Destra sperano che questa cosa vada in porto per dar modo agli italiani onesti, di vedere che razza di personaggi hanno votato.

    Report

    Rispondi

  • blu521

    28 Giugno 2013 - 19:07

    Altri 5 in Senato e ai centri sociali ci finirà il partito dei ladri. Bananas inutilmente stupido

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog