Cerca

Aria di divorzio

Casini si allontana da Monti e sul Cav: dobbiamo fare i conti con chi aderisce al Ppe

In un'intervista il leader centrista parla della riorganizzazione dell'area moderata e di un nuovo possibile centrodestra

Pier Ferdinando Casini stringe la mano a Silvio Berlusconi

Contiunano le manovre di allontanamento di Pier Ferdinando Casini da Mario Monti soprattutto dopo la sua minaccia di ritirare il sostegno al governo Letta se non cambia marcia. Insomma la terza gamba del governo sarebbe pronta a lasciare il governo se non ci sarà un'accelerazione sulle riforme. Casini interviene nel dibattitto rilasciando un'intervista a La Repubblica in cui sostanzialmente dice che Letta deve darsi una "scossa" perché "non può più tirare a campare. Se non riuscirà a governare è meglio che ne tragga le conclusioni mettendo tutti davanti alle proprie responsabilità. Ma sarebbe una sconfitta per tutti e una sciagura in questo momento per il Paese". Poi una stilettata contro l'ex premier: "La politica non è un concorso universitario è un qualcosa di un po' più complesso". 

Ritorno al passato - Ma quando il giornalista gli chiede se è interessato a un nuovo centrodestra con Berlusconi, Casini strizza fortemente l'occhio e dice: "la riorganizzazione dell'area moderata italiana è questione centrale del dopo Berlusconi. Non so quanto possa servire il riutilizzo del marchio, non penso si possa tornare a venti anni fa solo con questa suggestione  e comunque il tema centrale è quale politica si vuole realizzare. Le alleanze politiche sono figlie di scelte politche chiare, altrimenti si torna al Pdl e all'illusione che basti una sigla che sanare quelle contraddizioni. E non eslcude la possibilità di un ritorno al passato quando diche "Epifani parla di riorganizzazione dei progressisti. Noi dovremo fare necessariamente i conti con gli schieramenti europei, con chi aderisce al Ppe. Io voglio guardare avanti non recrimonare sul passato. Ma certo, solo chi è in malafede o accecato dal pregiudizio può non riconoscere quanta parte di ragione abbia avuto l'Udc in questo ventennio". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • charmant2

    02 Luglio 2013 - 09:09

    se riesce davvero a fare una una sua squadra consiatente,non sarebbe da buttare via. Ma questa volta,caro Cavaliere,prima di sposartelo,fatti dare prova della sua riacquisita verginità. Mi spiego meglio.Osserva bene nel tempo sia pure breve, perchè bisogna affrettarsi, se non solo a parole ma con i fatti è dalla tua parte,eppoi,passa al matrimonio.Amen

    Report

    Rispondi

  • umberto2312

    02 Luglio 2013 - 08:08

    Speriamo che il Cavaliere si renda conto che la presenza di Casini gli può solo far perdere voti e consensi.

    Report

    Rispondi

  • libero42

    01 Luglio 2013 - 20:08

    Dopo che (l'attuale) suocero lo ha pubblicamente scaricato a 8 1/2 della Gruber, il nostro cattolicissimo torna dall'altro miliardario? Vuoi vedere che chiederà la mano della Barbara? Lui è per la famiglia (allargata a dismisura)

    Report

    Rispondi

  • elenabaciu

    01 Luglio 2013 - 19:07

    se torna casini non voto piu PDL !!!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog