Cerca

Ma lei: "Nessun passo indietro"

Camera, slitta il voto per la vicepresidenza

Daniela Santanchè

Daniela Santanchè

Ora è ufficiale: slitta l'elezione della vicepresidente della Camera, per cui il Pdl (seppur non compatto) aveva candidato Daniela Santanché. La decisione è stata presa dalla conferenza dei capigruppo e ora dovrà essere votata dall'aula di Montecitorio. In conferenza dei capigruppo non è stato trovato l'accordo sul rinvio che era stato richiesto da Pd e Pdl: per questo l'assemblea si è espressa per alzata di mano, dopo un intervento a favore e uno contro.

La pitonessa stritola - La situazione viene fotografata dalla Santanchè stessa: "Con questa maggioranza tutto si rinvia nulla si decide". Così la "pitonessa" nella mattinata di martedì su Twitter: quasi profetica, poiché il suo cinguettio era arrivato poco prima dell'ufficializzazione del rinvio. Il punto è che il voto sulla Santanchè rischiava (e rischia tutt'ora) di minare il futuro del governo: il Pd aveva annunciato "scheda bianca", di fatto spalancando la porta all'elezione di un membro dell'opposizione, magari un grillino, in quella che assomiglia da vicino a una prova tecnica di ribaltone.

Niente passo indietro - Secondo quanto si è appreso da fonti di maggioranza, i partiti che sostengono il governo erano orientati a far slittare l'elezione: tra Pd, Pdl e Scelta Civica non è stato insomma trovato alcun accordo, il governo Letta scricchiolava e si è così deciso di rinviare il nodo. La Santanchè, però, promette battaglia: "Un passo indietro? Non ci penso proprio". Così poco prima di entrare alla Camera. E ancora: "Alfano mi ha chiamata poco fa per dirmi che rimane la mia candidatura". Quindi una conferma arriva anche da Renato Brunetta: "Il nostro candidato è e rimane assoltuamente Daniela Santanchè. C'erano opinioni diverse in capigruppo, abbiamo preferito chiedere un rinvio. Noi - ha aggiunto Brunetta - crediamo che debba valere la prassi che l'incarico ricoperto dall'esponente di un gruppo debba essere ricoperto (dopo le dimissioni di questo, ndr) dall'esponente dello stesso gruppo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gioch

    03 Luglio 2013 - 10:10

    Meno parolacce?PIU' SANTANCHE',PIU' SGARBI,PIU' BUSI e meno ipocriti paraculo.Vi meritate tutti i Casini in circolazione.

    Report

    Rispondi

  • primus

    03 Luglio 2013 - 09:09

    Governo Letta, il governo del non fare, il governo dei rinvii, inconcludente ha il terrore di decidere per non scontrarsi con il partito. vergogna!

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    03 Luglio 2013 - 08:08

    Meno parolacce in giro!

    Report

    Rispondi

  • andresboli

    03 Luglio 2013 - 08:08

    basta, non se ne può più, i problemi sono altri, come cazzo si fa a investire in un paese come il nostro! SVEGLIA basta entrare nel merito di articolo come questo!!! servono solo ad aumentare l'odio e la stupidita della gente! fate del giornalismo vero ...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog