Cerca

Alle armi

Governo, solo due ministri hanno fatto il militare

Zanonato e Mauro sono gli unici sull'attenti. Tra fisico cagionevole, miopia, famiglia e obiettori gli altri 15 hanno "disertato"

Il settimanale "Oggi" ha interpellato i titolari dei dicasteri. L'amor patrio? Pochino. Il premier è stato "fermato" da una fortissima miopia (che non è riuscito a sconfiggere)
L'insediamento del governo Letta

L'insediamento del governo Letta

Un governo militesente. All'esecutivo la naia non piace. Lo ho messo nero su bianco il settimanale Oggi, che ha chiesto ai titolari dei dicasteri del governo Letta in che modo hanno dato il loro "contributo alla patria" (che non è più obbligatorio dal 1° gennaio 2005). Dal servizio è emerso che su quindici ministri soltanto due hanno assolto i loro doveri militari. Sono Flavio Zanonato (Sviluppo economico) e Mario Mauro (Difesa). Il primo ha fatto il Car a Belluno e a Treviso, l'altro fu Caporal Maggiore di fanteria nel reggimento Col di Lana. Ma gli altri ministri, chi per un motivo e chi per l'altro, non hanno svolto il servizio militare. Il motivo? Fisico cagionevole, impegni familiari, miopie ed impedimenti vari li hanno tenuti lontano dalla naia. 

E gli altri?  Iniziamo la rassegna con il premier Enrico Letta, riformato per una forte miopia, sette gradi e mezzo, che poi, spiega, "ho cercato di correggere con un'operazione, senza riuscirci". Scartati per questioni fisiche Carlo Triglia e Massimo Bray. Quindi Angelino Alfano, vicepremier e titolare dell'Interno, esentato dalla leva perché già consigliere comunale, una carica che ha ricoperto subito dopo la laurea. Niente leva anche per Graziano Delrio, poiché già padre di famiglia con due figli a carico. Ci sono poi tre obiettori di coscienza, Maurizio Lupi, Andrea Orlando e Gaetano Quagliarello. Niente naja nemmeno per Fabrizio Saccomanni, Enrico Giovannini e Gaetano D'Alia. C'è poi il caso embleatico di Dario Franceschini: era già consigliere Dc da due anni a Ferrara, la legge gli consentiva di svolgere il servizio militare vicino casa. Arruolato nell'artiglieria contraerea, svolse il servizio come centralinista nel distretto della sua zona di residenza. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marcolelli3000

    03 Luglio 2013 - 20:08

    dove vanno tutti gli imboscati che trovano tutte le scuse e le raccomandazioni per non fare il militare? in politica o impiegati statali, e' la continuazione naturale per i paraculi ruffiani.

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    03 Luglio 2013 - 19:07

    Piuttosto intrallazzatori politici. E il risultato .... a voi

    Report

    Rispondi

  • Peo

    03 Luglio 2013 - 16:04

    In passato ricordo che erano stati in tantissimi a non fare il militare. Parecchi anche i ministri della difesa (cosa che rendeva la situazione ridicola). Però La Russa il militare lo fece, ricordo, e anche come ufficiale. E incredibilmente lo fece anche Andreotti, mi pare in sanità.

    Report

    Rispondi

  • Devogu

    03 Luglio 2013 - 16:04

    Forse qualcuno ha militato al centro dell'Africa nera.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog