Cerca

La scoperta

Al ministero dello Sviluppo registrati i marchi del fascismo: non possono essere processati

15
Avete uno di questi gadget a casa?. Il Pd:

Boia chi molla, Dux, Il Duce, marchi con impresso il fascio littorio e l’aquila romana. Non sono solo simboli e scritte riprodotte su souvenir in vendita presso qualche bancarella o negozio nostalgico del regime fascista, ma sigle e loghi regolarmente depositati e registrati presso l’Ufficio brevetti e marchi del Ministero dello Sviluppo Economico, come emerge da una ricerca dell’AdnKronos. Marchi utilizzabili per commercializzare gli articoli più disparati, dall’abbigliamento ai gadget, fino addirittura ai vini.

È soltanto di pochi giorni fa la querelle sulla proposta di legge per l’introduzione nel codice penale del reato di propaganda del regime fascista. Polemiche trascese negli insulti razzisti al promotore della legge, il deputato dem Emanuele Fiano. Lo stesso parlamentare non si sbilancia sul fiorire di marchi nostalgici nel registro del Ministero dello Sviluppo. "La mia intenzione - spiega - è sanzionare la propaganda di questa idea, non il semplice possesso di un marchio". Spulciando nel database del Mise, è possibile imbattersi in una serie di simboli legati al Ventennio, a partire dalla dicitura Il Duce, depositata nel 2001 da Alessandro Lunardelli per la classe di Nizza 33 (quella relativa alle bevande alcoliche) e approvata dal Mise nel 2005

Appartengono invece a Paolo Camporesi i marchi per prodotti vinicoli Bagnolo - la terra del Duce e La garitta del Duce, con tanto di aquila stilizzata. Boia chi molla, uno dei motti più emblematici del ventennio, è stato registrato nel 2011 da Michele Tessarolo per le classi 16, 18, 25 e 28 (ovvero prodotti di cartone, cuoio, abbigliamento e giocattoli). Sempre per la classe 25 è stata approvata, nel 2011, la registrazione del marchio figurativo Dux, composto da una scritta sovrastante un’aquila romana (Gianfranco De Bari è il nome del titolare del logo).

Un fascio littorio, un moschetto e un’aquila che spicca il volo sopra delle fiamme è invece il marchio della Biblioteca fascista del Covo, registrato nel 2014 da Marco Piraino. Nella ricerca spunta infine anche la scritta Littoria - nome con cui fu fondata la città di Latina in epoca fascista - ufficializzata a nome di Antonio Pennacchi nel 2004.

"La mia intenzione è sanzionare propaganda di questa idea, non il semplice possesso di un marchio", dice Fiano all’Adnkronos, aggiungendo: "Il tema è la propaganda: bisogna infatti capire con quale modalità vengono utilizzati questi marchi. Con la mia legge si lascia un margine di valutazione a chi dovrà giudicare" e infatti "la domanda è: si tratta del possesso di un oggetto o di un atto di propaganda? Io non voglio costruire un reato d'opinione. La sola proprietà - puntualizza - non è un atto di propaganda".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bongio66

    18 Luglio 2017 - 10:10

    una domandina ai "nostalgici": ma alla fine che ci ha lasciato in eredità il vostro grande beniamino? Una guerra persa e i conseguenti buffi che stiamo ancora pagando! E che c...z.o!

    Report

    Rispondi

  • Delta16

    Delta16

    18 Luglio 2017 - 08:08

    Col "fascio-gadget" si rischia la "galera" con la corruzione e la concussione si fa "Carriera".

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    18 Luglio 2017 - 07:07

    Caro Fiano, in questo momento Lei sta dimostrando un bassissimo Q.I. democratico specialmente con la sua indicazione : "Con la mia legge si lascia un margine di valutazione a chi dovrà giudicare ". Fatto molto ambiguo come siete tutti voi del PD i quali pronti ad accusare ma nello stesso tempo di lavarsi le mani alla Ponzio Pilato; lasciare margini ai Magistrati ormai politicizzati ancora peggio.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media