Cerca

Lo schiaffo

La Consulta boccia l'abolizione delle province: "E' incostituzionale"

Gli ermellini cassano l'unica cosa buona fatta da Monti, la soppressione degli Enti locali. Un mese fa avevano respinto il prelievo dai maxi-assegni

Mario Monti

Monti in conferenza stampa

"Incostituzionale il taglio e il riassetto delle province" voluto dal governo Monti. La Consulta ha infatti dichiarato l’illegittimità costituzionale della riforma delle Province contenuta nel decreto Salva Italia e il loro riordino, che ne prevede la riduzione in base ai criteri di estensione e popolazione. Insomma gli ermellini hanno bocciato l'unica cosa buona che aveva fatto il governo del Loden. Il Prof aveva annunciato il taglio con orgoglio alla fine del suo mandato. Ma aveva affidato il tutto ad un decreto legge. E qui è cascato l'asino. 

Errore tecnico o grande bluff? - Per la Consulta non è materia da disciplinare con decreto legge. Così hanno stabilito i giudici costituzionali. Le province infatti sono enti previsti dalla Costituzione. Il Salva Italia prevedeva, tra l’altro, l’accorpamento di tutte le province con estensione bassa e numero di abitanti inferiore a 300mila. Insomma il problema sarebbe tecnico. Difficile pensare che i professoroni che stavano attorno al Loden non sapessero che le province sono in Costituzione e che, quindi, l'iter legislativo per abolirle avrebbe dovuto essere ben altro rispetto a un decreto legge.

Meno tribunali inutili -  Qualcosa però resta di quella proposta montiana. Regge al vaglio della Consulta la riforma della geografia giudiziaria: sono state infatti giudicate infondate le questioni sollevate dai tribunali di Pinerolo, Alba, Sala Consilina, Montepulciano e Sulmona contro la loro soppressione; inammissibile quella del Friuli Venezia Giulia. Solo Urbino si salva. Avremo sempre 100 campanili ma meno toghe in giro (anche se quelle della Consulta, a cadenza regolare, bocciano le proposte dei vari governi).

Non toccate le pensioni d'oro
- La Consulta, infatti, sembra impegnata in un'opera di "conservazione della Casta". Solo poche settimane fa aveva detto no ai prelievi di natura fiscale che toccano i pensionati titolari di assegni annui superiori a 90mila euro lordi, le cosiddette pensioni d'oro. La stessa Consulta, qualche mese fa, aveva giudicato irregolare anche il tetto agli stipendi nella pubblica amministrazione superiori a 90mila euro. Insomma le toghe guardiane della Costituzione hanno bloccato in poco tempo misure fondamentali per tagliare gli sprechi che affogano il Paese e per recuperare risorse vitali per le casse dello Stato.

Il potere di bloccare tutto -  La norma sulle pensioni d'oro avrebbe portato ossigeno al Tesoro. Il decreto legge 98 del 2011 disponeva che dal primo agosto 2011 fino al 31 dicembre 2014, i trattamenti pensionistici corrisposti da enti gestori di forme di previdenza obbligatorie, i cui importi superassero 90 mila euro lordi annui, sarebbero stati assoggettati a un contributo di perequazione del 5% della parte eccedente l'importo fino a 150 mila euro; pari al 10% per la parte eccedente 150mila euro; e al 15% per la parte eccedente 200mila euro. Insomma un contributo allo Stato da parte di chi ha di più. Niente da fare, anche in quel caso è arrivato il "no" secco della Corte che ha giudicato il provvedimento "un intervento impositivo irragionevole e discriminatorio ai danni di una sola categoria di cittadini". Insomma il parlamento e il governo possono anche annunciare decreti, leggi e disegni di legge. Poi tocca agli ermellini affossarli per lasciare ogni cosa al suo posto. (I.S)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • colombinitullo

    04 Luglio 2013 - 18:06

    Caro geco anche oggi,tanto per non farci mancare il suo illuminato pensiero,si arrampica sugli specchi discettando di tutto ma,come sempre,si scontra con la dura realtà italica;alle parole non seguono mai i fatti e la consulta,dopo breve processo,andrebbe...Cianciulli,dove sei? Per sua conoscenza,se posso e sommessamente,le direi che la sua conoscenza della lingua italiana,sebbene dignitosa, a volte gioca brutti scherzi: il termine "scapito" vuol dire a favore pertanto lei avrebbe dovuto utilizzare il termine "discapito".Per concludere: le ho preso un appuntamento con una manicure che mi ha assicurato che le toglierà anche le matrici delle unghie,naturalmente estirpandogliele a freddo,sempre per evitare fastidiosi stridii.Un saluto dal mondo dei rettili muniti di ventose.

    Report

    Rispondi

  • colombinitullo

    04 Luglio 2013 - 17:05

    non ho mai capito perchè vi vestite in modo così bizzarro da rendervi ridicoli.

    Report

    Rispondi

  • realityman17m

    04 Luglio 2013 - 16:04

    I ladri , e loro sono i primi in italia, resteranno sempre LADRI! Difenderanno sempre il mal tolto a loro favore. Si scenda in piazza in tutta italia e si blocchi tutto fintanto questa genia di merda e ladri non venga scacciata. Ermellini o toghe la merda puzza sempre allo stesso modo!

    Report

    Rispondi

  • gioch

    04 Luglio 2013 - 15:03

    Ho fatto scorta di benzina e accendini.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog