Cerca

Il vicolo cieco di Matteo

Renzi in panne: spara contro tutti, ma rischia di essere rottamato

Imperversa su tv e giornali, attacca tutto e tutti, trasmettendo il suo nervosismo agli stessi elettori. Unico risultato: Pd ricompattato contro di lui

Matteo Renzi

Matteo Renzi

Ormai Matteo Renzi non sa più che pesci prendere. I suoi compagni di partito stanno mettendo a punto una manovra a tenaglia con l'obiettivo di farlo fuori dalla corsa per la segreteria del Pd e mettere in sicurezza il governo di Enrico Letta. Il patto di sindacato tra Pierluigi Bersani e Guglielmo Epifani da una parte ed Enrico Letta e Dario Franceschini dall'altra regge ancora alla grande. Anzi. Alla cordata si è accodato ultimamente persino Massimo D'Alema, nemico giurato di Bersani dopo la faida interna al partito scoppiata nelle fasi, convulse, che hanno portato alla rielezione di Giorgio Napolitano

Affetto da dichiarazia - A rimanergli a fianco, ma nemmeno poi tanto, è rimasto solo Walter Veltroni. Ma questo non è detto sia un bene. Insomma, il Sindaco di Firenze tra i bunga-bunga di Palazzo Vecchio, Letta che sembra avviarsi verso una lunga legislatura e i vertici del partito che lo infilzano a cadenza quotidiana, appare nervoso. Reagisce in maniera scomposta, inquieta, agli attacchi, mena fendenti a sua volta contro i suoi avversari, agita lo spettro di complotti e trame oscure per farlo fuori come un Beppe Grillo qualunque. Quest'insicurezza, dovuta anche all'assenza di una proposta politica  (come dire: sotto la retorica, niente), si sta rivelando il suo punto debole. Affetto da "dichiarazia", imperversa su tv e giornali con le sue ansie e le sue paure, trasmettendole ai suoi elettori potenziali e, in generale, agli italiani. 

L'impresa impossibile di Renzi - Ma questo è solo una delle conseguenze. L'altra riguarda il Pd: con la sua smania di apparire sui media, scagliando frecciate a destra e a manca nel Pd, è riuscito nell'impresa di compattarlo contro il nemico comune: Matteo Renzi. Eppure, gli basterebbe poco: occuparsi di Firenze, apparire il meno possibile e lasciare che il Pd faccia ciò che gli riesce meglio: spaccarsi, dividersi come ha sempre fatto. A quel punto, sarebbero loro, i vertici del Pd, ad andare da lui in ginocchio,a  chiedergli di risollevare le sorti del Pd. Ma Renzi ormai è in balìa di se stesso. Ha fretta di sbarcare a Palazzo Chigi. E la fretta, come noto, è cattiva consigliera.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • frankie stein

    06 Luglio 2013 - 08:08

    Mi sa tanto che il logorroico pluriesternatore de' Firenze stia trasmettendo nervosismo ai bananas, piu' che ai suoi stessi elettori, i quali accortisi di essere incappati in una bestia politica non addomesticabile, piu' minacciosa per gli interessi del loro padrone dei vari D'alema, Bersani, Franceschini e pseudocomplici vari, ormai si fanno venire l'orticaria ad ogni sua dichiarazione. Je tocca abbonarse 'ar dermatologo!

    Report

    Rispondi

  • wilegio

    wilegio

    06 Luglio 2013 - 00:12

    Ma non sul fatto che renzi starebbe rinforzando il governo letta! Credo che i principali nemici di letta siano proprio bersani e soci, ma forse mi sbaglio. Di certo stiamo assistendo a una ricompattazione della nomenklatura, del soviet supremo, che si erge a baluardo della vera dottrina contro chi osa metterla in dubbio, senza aver fatto la gavetta nelle varie cellule del partito e senza aver avuto il placet delle alte sfere prima di sedere su una poltrona. L'ho già detto, ma mi ripeterò: se renzi non si mette in proprio, non la sbrocca, perchè il soviet è troppo radicato e lo zoccolo duro è troppo duro per lui. Speriamo che (non) la capisca, così si autodistruggeranno.

    Report

    Rispondi

blog