Cerca

Lo scontro con la magistratura

Il Csm molla i pm di Milano:
"Dal Cav critiche, non insulti"

Il Consiglio superiore risponde picche alle toghe, che avevano chiesto formale tutela dopo le frasi di Berlusconi nel comizio di Brescia

Ilda Boccassini

Ilda Boccassini

Il voto sara' formalizzato giovedi' prossimo; ma e' ormai certo che il Consiglio superiore della magistratura non darà la tutela ai magistrati di Milano chiamati in causa da Silvio Berlusconi nel comizio di Brescia di due mesi fa, pochi giorni dopo la sua condanna al processo Mediaset. Le affermazioni del leader del Pdl furono forti, ma rientrano comunque nei limiti del diritto di critica, anche perche' fatte in un comizio elettorale. "Ci sono dei magistrati politicizzati accecati dal pregiudizio e da una invincibile invidia, che sfocia spesso nell'odio nei miei confronti", aveva detto il Cavaliere a Brescia, parlando di un tentativo di "eliminarlo dalla scena politica". Un discorso che aveva spinto i consiglieri togati di Magistratura Indipendente e poi quelli di Area (il "cartello" che rappresenta le correnti di sinistra delle toghe) a chiedere al Comitato di presidenza del Csm l'apertura di una pratica a tutela dei magistrati di Milano. Pratica per la quale non ci sono gli estremi, a parere del relatore e dell'intera Commissione. E la ragione e' condivisa: il discorso di Berlusconi avrebbe i connotati di una critica molto aspra ma non configurerebbe una lesione del prestigio non solo dei giudici di Milano ma dell'intera magistratura, tale da determinare ''un turbamento al regolare svolgimento o alla credibilita' della funzione giudiziaria'', cosi' come richiede la nuova e piu' restrittiva disciplina sulle pratiche a tutela. Il punto su cui ancora la discussione e' aperta e' se inserire un passaggio che comunque sottolinei l'inopportunita' delle dichiarazioni di Berlusconi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sommesso49

    09 Luglio 2013 - 22:10

    E cosa deve dire quell'automobilista che è stato condannato per avere detto a un vigile urbano "siamo in una italia di merda?"

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    09 Luglio 2013 - 21:09

    Tutte le scorte di una classe di magistrati dovrebbero essere tolte in quanto fondamentalmente uno spreco. Questi soggetti prima si comporatono sicuramente non come la scritta che si trova in ogni aula di tribunale "La legge è uguale per tutti" e poi si "cagano sotto" se non hanno la scorta. Sono pari pari ai mafiosi.

    Report

    Rispondi

  • vecchiodeluso

    09 Luglio 2013 - 20:08

    rappresenta esattamente quel che pensa la maggioranza nei confronti dei pm diMilano.

    Report

    Rispondi

  • sarame

    09 Luglio 2013 - 18:06

    ma dai se hanno anche la scorta che ca..... vogliono di più ? che uno nemmeno si può lamentare . mi sembra troppo ..

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog