Cerca

L'udienza in Cassazione

Gli scenari del 30 luglio: ecco cosa può attendersi Berlusconi

Tre le possibilità: rinvio del processo a un nuovo appello, Cav assolto in via definitiva oppure condannato

Gli scenari del 30 luglio: ecco cosa può attendersi Berlusconi

Ecco cosa può attendersi il Cavaliere dall'udienza in Cassazione del prossimo 30 luglio: la suprema corte potrebbe accogliere uno dei motivi di ricorso contro la condanna elaborati dal collegio difensivo di Berlusconi e in questo caso annullare la sentenza d'appello, che ha visto l'ex premier condannato a 4 anni di carcere e a 5 anni di interdizione dai pubblici uffici. In questo caso, potrebbe essere deciso il rinvio a un altro processo d'appello su specifici punti, oppure l'assoluzione secca e definitiva per il Cavaliere. 

La Cassazione potrebbe invece respingere i ricorsi di Ghedini e Coppi e confermare la condanna di Berlusconi per frode fiscale sui diritti tv (evasione da 4,9 milioni nel 2002 e da 2,5 milioni nel 2003).

In caso di condanna, 3 dei 4 anni di reclusione sarebbero "coperti" da indulto, mentre per l'anno residuo il fondatore del Pdl andrebbe in affidamento ai servizi sociali. Sarebbe la Giunta per le immunità, presieduta dal vendoliano Dario Stefàno (che si è detto pronto a "lavorare anche in agosto, se necessario"), a dover prendere atto della interdizione, votando la decadenza di Berlusconi dalla carica di senatore e la sua incandidabilità a qualunque carica istituzionale (Quirinale compreso) per 5 anni. Qui il voto è palese, con Pd, Sel e Movimento 5 stelle che hanno una solida maggioranza, per cui il voto contro Berlusconi sarebbe scontato. Poi, però, la palla passa all'aula del Senato, ramo del Parlamento al quale (non a caso) il Cavaliere appartiene. Lì, il voto per l'esclusione dalle cariche pubbliche avverrebbe a scrutinio segreto, e con Pd, Sel e 5 stelle che possono contare su 165 senatori a fronte di una maggioranza fissata a quota 159. Ed è lì, nel segreto dell'urna, che si potrebbe compiere il "salvataggio politico" (i 4 anni di carcere non glieli toglie nessuno) di Berlusconi, per il coagularsi degli interessi di chi punta tutto sulla stabilità e teme che l'interdizione del leader Pdl possa avere conseguenze "letali" per il governo di larghe intese guidato da Enrico Letta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Frenki

    22 Luglio 2013 - 14:02

    Non preoccupatevi più di tanto, lo salveranno per la ragion di stato !! Non vi accorgete della calma apparente che ruota attorno all'uomo di stato, al pacificatore, allo statista di spessore ! Sotto c'è già stata la trattativa e si è venduta l'impunità per la pace e l'incesto PD-PDL. Quello che è certo è che la MAGISTRATURA NE USCIRA' CON LE OSSA ROTTE E CON LA SUA CREDIBILITA'AZZERATA. Vittoria assoluta della PD2, il suo dominio sulla vita del paese è ormai consolidato.

    Report

    Rispondi

  • eaman

    10 Luglio 2013 - 17:05

    Il senato mica puo' controvertire una sentenza passata in cassazione. Se la corte chiude il processo e accetta la sentenza l'unica cosa dignitosa che puo' fare Berlusconi e' dimettersi. Non si e' mai visto che uno condannato in tutti i gradi di giudizio si metta a fare delle pagliacciate simili.

    Report

    Rispondi

  • maxgarbo

    10 Luglio 2013 - 13:01

    già il nick dice chi sei...

    Report

    Rispondi

  • ubidoc

    ubidoc

    10 Luglio 2013 - 12:12

    I politicanti non potranno mai salvarlo dalla galera. Il senato nulla può contro una condanna in cassazione . Che cavolate dite ????

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog