Cerca

Quasi crisi

Napolitano: "Non sciolgo le Camere. Piuttosto mollo e mi dimetto"

Napolitano è preoccupato, e avvisa: "Pronto a lasciare se non si trova una soluzione". Enrico Letta al Pdl: "Non resto a tutti i costi"

Giorgio Napolitano

Re Giorgio si alza lo stipendio

«Piuttosto che sciogliere le Camere, mi dimetto». Non ha usato giri di parole ieri Giorgio Napolitano per spiegare ad Enrico Letta quanto sia lontano dalle sue intenzioni porre fine alla XVII legislatura. Non è nemmeno l’extrema ratio per l’inquilino del Colle, che come gesto ultimo pensa piuttosto a quello minacciato nel discorso a Montecitorio che ha inaugurato il suo secondo mandato: «Se mi troverò di nuovo dinanzi a sordità come quelle contro cui ho cozzato nel passato, non esiterò a trarne le conseguenze dinanzi al Paese», disse il 22 aprile ventilando le proprie dimissioni in caso di nuova crisi di governo. (...)

Come spiega Barbara Romano su Libero di giovedì 11 luglio, Giorgio Napolitano è preoccupato, ma ha le idee chiare: "Non sciolgo le Camere. Piuttosto mi dimetto". Il Capo dello Stato aggiunge: "Se non si trova una soluzione, mollo". Al centro della sua analisi le tensioni nel governo dovute all'assedio giudiziario che stritola Silvio Berlusconi. In questo contesto, anche Enrico letta avvisa il Pdl: "Non resto a tutti i costi".

Leggi l'approfondimento di Barbara Romano su Libero di giovedì 11 luglio

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giannistecca

    11 Luglio 2013 - 17:05

    Fossi io Napolitano, libero da qualsiasi condizionamento esterno (chi lo può condizionare ora?)quei quattro cialtroni, anzi scusate mille o giù di lì, che stanno discutendo ogni giorno sul sesso degli angeli mentre l'Italia va letteralmente a fondo? Ma non scherziamo. Se io fossi Napolitano dicevo, prenderei Berlusconi a quattrocchi e gli direi: sta tranquillo, se la cassazione di condanna definitivamente io, con un atto di forza presidenziale e con la tua garanzia della continuità del governo, ti concederò la grazia presidenziale un minuto dopo. E i politici che facciano quello che vogliono: io sono intoccabile sotto questo profilo, ho compiuto 88 anni e non mi dimetto e mando a fare in culo tutti. Ah come mi divertirei a vedere chi salta dalla gioia, chi si strappa i capelli, chi si mangia i coglioni, sempre che ce li abbia. E i bloggisti giù a manetta. Ah come mi divertirei.

    Report

    Rispondi

  • Janses68

    11 Luglio 2013 - 16:04

    Pultroppo non li puo' mandare tutti a quel paese ... ci siamo gia'.

    Report

    Rispondi

  • sommesso49

    11 Luglio 2013 - 15:03

    Non prima di avere nominato Berlusconi tuo degno erede alla presidenza di questa repubblica.

    Report

    Rispondi

  • sommesso49

    11 Luglio 2013 - 15:03

    Non prima di avere dominato Berlusconi tuo degno erede alla presidenza ddi questa repubblica.

    Report

    Rispondi

blog