Cerca

Mughini

Berlusconi va salvato
o per l'Italia sarà tragedia

Nessuno può prendere a cazzotti il 30% degli italiani. Con la grazia o in altro modo, ma evitateci il baratro. Ve lo chiede chi non lo vota

Berlusconi va salvato
o per l'Italia sarà tragedia

Cari amici che Silvio Berlusconi lo vorreste condannato coi fiocchi e dunque politicamente in ginocchio, vi scrive uno che di mestiere non è né anti-berlusconiano né filo-berlusconiano, e bensì un italiano come tanti preoccupato a morte di questo nostro Paese valutato, dalle agenzie internazionali di rating «BBB», poco meglio di Portogallo e Grecia. Vi scrivo in una giornata che non è delle migliori nella storia della nostra democrazia. Il giorno dopo quello in cui il Parlamento ha deciso di sospendere per qualche ora i suoi lavori e questo al modo di uno scapaccione contro la Corte di Cassazione che aveva deciso (come da suo diritto) di abbreviare i tempi di una decisione che chiuderà un lungo processo contro Berlusconi. In questo sono d’accordo con voi, il decidere più rapidamente non significa affatto che la sentenza di condanna è già scritta. Sono anche d’accordo con voi sul fatto che meno il Governo incrocia la sua strada con quella della Giustizia meglio è. Devono essere due strade parallele e diverse. Sono infine d’accordo con voi che i processi anti-Berlusconi sono stati lunghi, complessi, e che non è uno scherzo un’evasione fiscale calcolata in milioni di euro né l’avere «costretto» un funzionario della questura di Milano ad «affidare» la ragazza Ruby a una signorina senza arte né parte che l’hai poi domiciliata in casa di una puttana. Figuratevi poi se, con queste premesse, potevo avere una qualche simpatia per la richiesta iniziale di una parte del Pdl, che il Parlamento mettesse il lutto al braccio addirittura per tre giorni.

Solo che, detto questo, non siamo nemmeno all’inizio del ragionamento e del collasso che incombe sulla nostra democrazia da Paese «BBB». Che la nostra sia una democrazia speciale, in senso negativo, è stato detto mille volte. Lo è divenuta a partire dal giorno in cui, appena nato il bipolarismo della Seconda Repubblica, a rappresentare politicamente una delle due metà del Paese è andato uno degli uomini più ricchi d’Italia, uno che aveva interessi in ogni campo a cominciare da quelli editoriali, tanto l’editoria di carta che quella televisiva. Un uomo che i processi per questo o per quello non potevano non rendere vulnerabile, come lo sarebbe stato Gianni Agnelli se fosse «salito» in politica o l’Enrico Mattei dei suoi tempi migliori da finanziatore e deus ex machina della politica italiana. Tutto questo per dire che il processo per la (presunta) evasione fiscale Mediaset prima o poi gli doveva arrivare sul capo per forza. È arrivato, è andato avanti, condanna in primo e secondo grado, la sentenza della Cassazione a giorni. La Giustizia faccia il suo corso come per ogni altro cittadino italiano, dite voi antiberlusconiani fieri e intensi. Apparentemente avete ragione e anche se fra le vostre truppe c’è gente senza autorità, tipo quei senatori grillini che dallo sdegno si sono tolti giacca e cravatta e il cui capo politico ripete a man salva che l’Italia è al fallimento e che sarebbe ottima cosa andare a nuove elezioni. Nuove elezioni, il passo forse decisivo per passare da «BBB» a «BB», a emuli del Portogallo. Berlusconi pesantemente condannato, il governo va giù (folle sperare il contrario), per un mesetto passiamo le nostre serate ad ascoltare i talk-show dove si misurano i candidati dell’uno e dell’altro nulla, infine la conta dei voti. Il Paese spaccato in tre o quattro parti impossibilitate a comunicare tra loro. Giorgio Napolitano che si dimette. Paralisi. A meno che non ci sia qualcuno di voi che ritenga possibile una maggioranza politica costituita dalle cinque o sei frazioni del Pd attuale, da quelli senza giacca e cravatta e dal leader della Fiom Maurizio Landini. E se questo qualcuno c’è, allora sì che bisogna chiamare gli specialisti del reparto psichiatrico. Se l’antiberlusconismo fiero e il filoberlusconismo oltranzista continueranno ad affrontarsi nell’attuale wrestling politico, a questo siamo destinati. Tra collasso e reparto psichiatrico.

Una soluzione che attenui il disastro, un meno peggio ovviamente compatibile con le Leggi esistenti, insomma qualcosa che il trenta per cento degli italiani che hanno votato pro-Berlusconi non sentano come un cazzotto in piena faccia? Mi piacerebbe tanto che ci fosse, anche se non ho idea di quale. Non so se possa essere la grazia di cui parla Maurizio Belpietro. Eppure qualcosa bisogna tirar fuori dal cilindro. Non obiettatemi, cari amici anti-Berlusconi, che un cosa è il Diritto e tutt’altra cosa la Politica. Non è mai stato così nella storia degli uomini. Politica e Diritto hanno sempre fatto dei patti, non sempre onorevoli. Il Processo di Norimberga nacque dalla vittoria politica e militare, non dalla certezza del Diritto. A giudicare i crimini nazi c’erano anche i rappresentanti di uno Stato (l’Urss di Stalin) che di crimini innanzitutto contro i propri cittadini ne aveva commessi a caterve. Se la Germania avesse vinto la guerra, a Norimberga o altrove sarebbe stato processato Winston Churchill per avere ordinato ai suoi bombardieri di radere al suolo la città tedesca di nome Dresda. Se le truppe di Tito entrarono a Trieste da padrone e ci rimasero un po’ e poi la Jugoslavia si pappò tutta l’Istria italiana non è perché avevano dalla loro il Diritto, è perché i partigiani jugoslavi avevano combattuto i nazi quando noi eravamo loro alleati. Potrei continuare per pagine e pagine.

E a meno che voi pensiate che le tragedie di cui ho detto siano di tutt’altro rango rispetto a quelle dell’Italia «BBB», vi sbagliate alla grande. Il nostro Paese è alle soglie di una tragedia che ne può cambiare per sempre l’ossatura e il destino. O forse è già avvenuto, tanto è vero che siamo qui a discutere se sì o no Berlusconi. Da quasi vent’anni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Ganibar

    13 Luglio 2013 - 10:10

    Mughini è uno psicopatico e frustrato sessuale che spaventa grandi e piccini con il suo eloquio gracchiante, tra l'ubriaco e l'isterico, ma impressiona anche per le assurdità che scrive!

    Report

    Rispondi

  • JamesCook

    12 Luglio 2013 - 22:10

    Con tanta disoccupazione giovanile abbiamo ancora questo giornalista babbione rincoglionito, che viene pagato per scrivere questi articoli demenziali, Se fossi Berlusconi ti denucerei per danno di immagine.Da non credere mi sono stropicciato gli occhi e lo pure letto due volte!

    Report

    Rispondi

  • emigratoinfelix

    12 Luglio 2013 - 18:06

    Mughini nello spiegare il suo punto di vista ha solo utilizzato del buon senso.Chi di voi puo´negare che da sempre politica e diritto hanno concluso patti a volte non onorevoli?e lo han fatto in nome di quel dimenticato principio noto come ragion di stato.Chiedetevi cosa sarebbe accaduto in Italia se al suo ritorno dalla fuga e lungo soggiorno in Russia Togliatti,capo del PCI fossestato,come sicuramente avrebbe meritato,processato e condannato per concorso nell´eccidio di migliaia di socialisti ed anarchici italiani che si erano rifugiati li,oppure per la morte di decine di migliaia di prigionieri di guerra italiani nei campi di concentramento russi,visto che lui era membro potente del Comintern.Non soltanto non lo processarono,ma somma beffa fu nominato anche ministro della giustizia!Quindi forcaioli della minchia,datevi pacce:se condannassero Berlusconi ovvero se eliminassero attraverso certa magistratura il capo di ungrande partito,il Paese salta.Vi piaccia o meno.

    Report

    Rispondi

  • manuelebonbon

    12 Luglio 2013 - 17:05

    Oppure rimpiangi le monarchie assolutiste quando la legge valeva per tutti tranne che per il re e tu avresti fatto il giullare pappandoti gli avanzi sotto i tavoli. E non ci far ridere con la storia del rating: sarà esattamente l'opposto di quanto affermi e scomparso il delinquente di arcore l'Italia non potrà che riacquistare fiducia in tutti i mercati internazionali.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog