Cerca

L'ultima mossa

Berlusconi, i legali pensano di rinunciare alla prescrizione

Silvio Belrusconi visto da Benny

I legali di Silvio Berlusconi sono al lavoro per capire comea affrontare la fatidica data dal 30 luglio. E prendono in condiserazione anche la possibilità di rinunciare alla prescrizione di uno dei dure reati di frode fiscale. Prescrizione che, secondo la Cassazione cade il 3 agosto, secondo i calcoli della difesa dell'ex premier tra il 13 e il 26 settembre. La possibilità di rinunciare la prescrizione, suggerita anche dall'ex faccendiere Luigi Bisignani, viene presa in condiderazione dai legali perché, venuti meno i motivi di urgenza che hanno spunto la Cassazione a fissare l'udienza il 30 di luglio, la sentenza slitterebbe. Gli ermellini potrebbero riunirsi, come previsto, entro la fine dell'anno. Il vantaggio di uno slittamento della data è sicuramente quello che la difesa avrebbe più tempo per mettere a punto la proppria strategia ma anche da un punto di vista politico il rinvio dell'udienza darebbe il tempo per capire le mosse. In molti nel Pdl pensano all'amnistia ma i tempi sono molto lunghi in quanto è necessario un triplo voto che richiede i due terzi dei votanti. Prendere tempo, permetterebbe poter lavorare all'ipotesi "grazia", un'ipotesi rilanciata dal direttore di Libero Maurizio Belpietro e che, come scrive il nostro quotidiano oggi venerdì 12 luglio, convince  anche Letta

Condanna, assoluzione o rinvio -  Certamente se la Cassazione dovesse confermare la condanna a 4 anni di reclusione e 5 di interdizione dai pubblici uffici per frode fiscale il Cavaliere non va in carcere. Spetterà alla Procura di Milano ricalcolare la pena da cui dovranno detrarre l'indulto del 2006 che la riduce a un anno e applicheranno la legge Simeoni-Saraceni, affidamento ai servizi sociali per condanne fino a tre anni. Berlusconi avrà 30 giorni di tempo per fare la sua proposta che sarà valutata dal giudice di sorveglianza. Oltre all'assoluzione c'è la possibilità del rinvio del processo a Milano per un nuovo appello o riduca la condanna rimodulando la pena e arrivando alla cancellazione dell'interdizione. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    13 Luglio 2013 - 22:10

    E' chiaro. Com'é chiaro che il cav. é il nipotino di Obama

    Report

    Rispondi

  • Renatino1900

    13 Luglio 2013 - 18:06

    ma più cogliona che non si può. il Pm minorile di quella notte non era tale Monica Frediani, ma Anna Maria Fiorillo, capito sfigato? la Fiorillo è quel pm minorile che dice di avere sospettato immediatamente che la minore fosse una prostituta, e che ordinò che fosse spedita in una casa protetta, ordine disatteso per le pressioni, concussione, fatte dal nano... COGLIONE!

    Report

    Rispondi

  • ottina

    13 Luglio 2013 - 14:02

    per averci voluto precisare che cassare vuol dire eliminare, sa, era difficile che noi liberali ci arrivassimo da soli!

    Report

    Rispondi

  • marcopcnn

    13 Luglio 2013 - 06:06

    L'ipotesi che la cassazione possa assolvere Berlusconi è pura fantasia. Fantasia Malata. L'ipotesi sarebbe stata già remota se ci fosse stata l'assoluzione in primo grado e la condanna in secondo grado. Ma con due condanne in primo e II grado La Cassazione non può in alcun modo Annullare senza rinvio.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog