Cerca

Notizie al posto di veline

Belpietro e la grazia al Cav:
peggio di certi politici
solo certi giornalisti

La grazia, il Colle e i colleghi: l'editoriale del direttore

Belpietro e la grazia al Cav:
peggio di certi politici
solo certi giornalisti

Peggio dei nostri politici, ci sono solo i nostri colleghi, nel senso di giornalisti. I quali se si trovano davanti a una notizia fanno di tutto per scansarla, temendo che il pubblicarla possa arrecare fastidio a qualcuno. Nel nostro caso, il fastidio lo avrebbero dato a Giorgio Napolitano, il quale da giorni stava rimuginando sulla possibilità di concedere la grazia a Silvio Berlusconi. Qualora il 30 luglio la Cassazione confermasse la condanna a quattro anni di reclusione e a cinque di interdizione dai pubblici uffici, un provvedimento di clemenza sarebbe la sola via d’uscita in grado di impedire che un terzo degli italiani venga privato della rappresentanza politica con l’incarcerazione del proprio leader. L’ipotesi era stata discussa con alcuni esponenti della maggioranza e anche con il presidente del consiglio, perché dalla permanenza a piede libero del Cavaliere possono dipendere le sorti del governo. E noi di Libero ne avevamo dato ampiamente conto, senza curarci che la notizia desse fastidio a qualcuno, che si trattasse di Silvio Berlusconi (che ha tutto l’interesse a non parlare di questa possibilità) o di Giorgio Napolitano (che aveva preteso segretezza sul suo piano).

Come è ovvio avevamo messo in conto l’irritazione del capo dello Stato, il quale giunto al suo secondo mandato si sente una specie di monarca e quando viene disturbato reagisce di conseguenza. Per contro non avevamo calcolato la sollevazione dei suoi trombettieri, i quali, dal Corriere della Sera a Repubblica, hanno replicato all’unisono, riuscendo a negare perfino l’evidenza. Sui suddetti giornali a proposito della grazia a Berlusconi si è dunque parlato di menzogna e addirittura di un ricatto nei confronti del Quirinale. Si fosse trattato di un falso inventato di sana pianta, al presidente della Repubblica non sarebbe saltata la mosca al naso. E fosse stato un ricatto vorrebbe dire che il capo dello Stato può essere condizionato da pressioni esterne, cosa che solo gli allocchi possono credere. Ma, soprattutto, fosse stata un’invenzione, nel corso della giornata di ieri noi di Libero non avremmo ricevuto tante sollecitazioni a mettere il silenziatore al caso, perché l’eccesso di pubblicità attorno all’ipotesi di un provvedimento di clemenza avrebbe messo Napolitano nell’impossibilità di concedere in futuro una grazia che gli fosse stata suggerita da Libero.

Del resto, da chi ha passato la vita a riportare le veline del Colle senza capirle non c’era da aspettarsi che stavolta riuscisse a leggere un comunicato comprendendo ciò che sottintendeva. O che per una volta riportasse una notizia.

di Maurizio Belpietro
@BelpietroTweet

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • KARLOS-VE

    15 Luglio 2013 - 10:10

    Sarebbe contropropducente per berlusao, scatenerebbe la rabbia delle persone che non lo possono vedere, e sono molto piu della metà degli italiani (referendum 2011 docet).

    Report

    Rispondi

  • lobadini

    14 Luglio 2013 - 21:09

    No bisogna farli sparire per sempre

    Report

    Rispondi

  • soleados

    14 Luglio 2013 - 17:05

    Se vuoi dire che bisognerebbe tutti mandarli a casa,ovvero PD,PDL,Centro, sel ecc. mi trovi d'accordo! Su berlusconi e simile , no!

    Report

    Rispondi

  • ubidoc

    ubidoc

    14 Luglio 2013 - 17:05

    Se lo graziano ci vediamo tutti a Piazzale Loreto.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog