Cerca

Emg per Mentana

Sondaggio TgLa7, Pdl primo partito e centrodestra davanti. Grillo ruba voti al Pd

Berlusconi torna al centro del dibattito e alla fine ci guadagnano lui e i suoi nemici: azzurri al 27,2%, coalizione al 35,4%. I dem indecisi perdono l'1,5, (quanto guadagnato dai grillini antiCav)

Sondaggio TgLa7, Pdl primo partito e centrodestra davanti. Grillo ruba voti al Pd

Cresce Berlusconi, crescono gli anti-Cav. E in mezzo, il Partito democratico e il centrosinistra che perdono voti, venendo scavalcati dal centrodestra. Il tradizionale sondaggio Emg del lunedì sera per il TgLa7 di Enrico Mentana sancisce il sorpasso e soprattutto conferma l'impressione di caos di quest'ultima settimana. Con una chiosa: se Berlusconi torna al centro del dibattito politico, guadagna lui e guadagnano i suoi nemici più accesi. Chi, per calcolo o timore, non si espone viene travolto. 

E' il caso, appunto, del Pd, che poco deciso sulla questione dei guai giudiziari del leader del Pdl e impegnato com'è da una parte a sostenere il traballante governo Letta e dall'altra a fare la guerra interna a Matteo Renzi, paga caro le sue incertezze: in 7 giorni i dem perdono l'1,5%, scendendo al 26,6%, che sommato anche al 5,4% di Sel (-0.3%) regala al centrosinistra un misero 33,5 per cento. Che fine hanno fatto i voti dei democratici? Molto probabilmente, sostiene lo studio dei flussi del sondaggio Emg, sono finiti in quell'eterno bacino di antiberlusconismo che è il Movimento 5 Stelle, un po' come accaduto lo scorso febbraio. I grillini guadagnano non a caso l'1,6%, salendo al 19,2 per cento.

Il sorpasso del Cavaliere - A godere sono Pdl e centrodestra. Il partito di Silvio Berlusconi sale di poco (0.2%) ma con il suo 27,2% approfitta del calo di gradimento del Pd per tornare il primo partito in Italia. Effetto trainante per tutto il centrodestra (Lega Nord al 4,2%, Fratelli d'Italia al 2,4%, La Destra allo 0,9%), prima coalizione a quota 35,4% (+0.3%). Tra i moderati, sale Scelta civica di Monti (4,8%, +0,4) mentre gli (ex?) alleati Casini e futuristi restano stabili ma sostanzialmente fuori dai giochi (1,5% l'Udc, l'infinitesimale 0,2 Futuro e Libertà). Tra astensionisti convinti (31,1%) e indecisi (12,6%), resta stabile il favore nei confronti del premier Enrico Letta a quota 39 per cento. Il governo non starà benissimo, ma per ora non è nemmeno moribondo. Almeno nei sondaggi, s'intende...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Chry

    18 Luglio 2013 - 12:12

    anche i processi e la galera sono un miracolo di Silvio ahahah...

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    16 Luglio 2013 - 18:06

    tutti i maldestri a scrivere che erano sondaggi farlocchi. Che maldestri che siete!!!

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    16 Luglio 2013 - 18:06

    eh no; come si vincono le elezioni? prendendo anche UN solo voto più degli altri. In tutto il mondo occidentale. Che poi il sistema italiano preveda, stante la "trovata" del CDX con la "porcata" del voto regionale, è un'altra cosa. Tant'è che Burlesque non ha la minima intenzione di andare al voto: potrebeb succedergli la stessa cosa che a Bersani

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    16 Luglio 2013 - 17:05

    a Frà, guarda che il csx ha vinto, nel '96, nel 2006 e quest'anno! tre volte come Burlesque. Che poi Lui non dia le dimissioni quando perde, è un'altra cosa: è l'unico nel mondo democratico; persino in Russia, chi ha perso se ne è andato; Lui no: Dondolino sempre in piedi. Non fumare più quella roba, che ti fa male

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog