Cerca

L'ira di Palazzo Chigi

Kyenge orango, Letta: "Calderoli si deve dimettere"

Enrico Letta

Enrico Letta

"Calderoli si è scusato, e su Expo le parole di Letta sono state uno scivolone. Per me è tutto chiuso". Così parlava Roberto Maroni, giusto poche ore fa, riguardo al caso della "Kyenge orango". Peccato che il premier Enrico Letta non la pensi esattamente così. Anzi, da ambienti vicini a Palazzo Chigi trapela un certo nervosismo. "La scivolata è solo quella di un leader che non riesce a far dimettere Roberta Calderoli dalla vicepresidenza del Senato, carica che purtroppo non è oggetto di voto di sfiducia", sarebbe il giudizio del premier. E su Maroni avrebbe speso parole durissime: "Così facendo è correo degli insulti al ministro Kyenge". Una reazione, quella di Palazzo Chigi, che arriva quasi in contemporanea all'autodifesa di Calderoli in Senato, dove ha sottolineato di non essersi dimesso "perché in Parlamento non me lo hanno chiesto tanti", compreso il Movimento 5 Stelle

"Si dimetta" - Ma dopo le indiscrezioni, nella serata di martedì 17 luglio, sono arrivate le dichiarazioni in pubblico di Letta. Durissime. Secondo il premier, "le parole di Calderoli sono una vergogna per il Paese". L'esponente della Lega si deve dunque dimettere perché "solo le sue dimissioni risolvono questo problema". Il presidente del Consiglio, rispondendo a una domanda al termine del suo intervento alla Chatham House, ringrazia chi lo ha interpellato sull'argomento perché "così i giornalisti italiani possono riferire all'opinione pubblica quanto è negativo per l'immagine dell'Italia quel che ha detto Calderoli". Letta poi chiosa  puntualizzando che "il vicepresidente del Senato lascia il suo ruolo solo in caso di dimissioni, non può essere sfiduciato. Dunque solo le sue dimissioni risolvono il problema".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fonty

    fonty

    17 Luglio 2013 - 18:06

    Chi l'ha nominata ministro di un inutile ministero non lo sapeva che così avrebbe creato solo zizzania, divisioni, malumori tra gli Italiani, come infatti sta purtroppo avvenendo. Se lo ha fatto apposta, allora è uno stronzo irresponsabile, che se ne frega della pacificazione; se non lo aveva previsto, è un coglione che non merita di stare dove sta.

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    17 Luglio 2013 - 18:06

    Chi l'ha nominata ministro di un inutile ministero non lo sapeva che così avrebbe creato solo zizzania, divisioni, malumori tra gli Italiani, come infatti sta purtroppo avvenendo. Se lo ha fatto apposta, allora è uno stronzo irresponsabile, che se ne frega della pacificazione; se non lo aveva previsto, è un coglione che non merita di stare dove sta.

    Report

    Rispondi

  • antikomunista10

    17 Luglio 2013 - 09:09

    Il senatore Calderoli è stato fatto oggetto di una aggressione inconcepibile per violenza e volgarità soltanto per aver espresso liberamente il proprio pensiero, facoltà prevista e tutelata dalla costituzione. Chi si deve dimettere è Grasso, eletto con i voti dei rossi, oggi non più primo partito (lo dicono i sondaggi !). E Calderoli deve essere eletto alla Presidenza. Sia per una sorta di risarcimento, sia per la sua grande statura di politico.

    Report

    Rispondi

  • Janses68

    17 Luglio 2013 - 09:09

    Se lo fanno dimettere Calderoli con quella faccia ,sputtanerebbe a destra e a sinistra tizio e caio ... E questo non lo vuole nessuno perche' sono tutti della stessa razza ... Dei gran B...di.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog