Cerca

E Silvio sta con loro

Pdl, Confalonieri e Pier Silvio contro i falchi azzurri

Mediaset va a gonfie vele anche perché il Cav, di fatto, è al governo. Ordine di scuderia: meno sparate contro le toghe. Lo chiede anche l'avvocato Coppi...

Pier Silvio Berlusconi e Fedele Confalonieri

Pier Silvio Berlusconi e Fedele Confalonieri

Nel Pdl spaccato tra falchi e colombe e dove Silvio Berlusconi cerca, faticosamente, di abbassare i toni e di tenere la barra dritta, agiscono anche delle entità non eminentemente politiche, delle personalità molto vicine al partito pur senza essere né in politica né in Parlamento. I due alleati del Cavaliere, che lavorano per tenere compatto il partito e contenere - almeno fino alla sentenza Mediaset del 30 luglio - gli attacchi frontali alla magistratura, sono Fedele Confalonieri e Pier Silvio Berlusconi. Due uomini Mediaset, e non è un caso.

Evviva Letta - La netta presa di posizione - di cui dà conto La Stampa - è arrivata nel corso di un vertice con tutti i manager del Biscione. Confalonieri ha agito, come fa da tempo, tessendo le lodi del premier Enrico Letta, e spiegando che il suo "è l'unico governo possibile". Pier Silvio, da par suo, nel corso dello stesso summit sarebbe stato ancora più netto spiegando che alle larghe intese, semplicemente, non ci sono alternative. 

Questioni di cassa - Le ragioni della presa di posizione? Fedele e Silvio, ovvio, parlano per conto di Mediaset, il cui titolo dall'inizio dell'anno è salito del 113% (e di 7 punti solo ieri, lunedì 15 luglio, sulla scia di un report positivo di una banca d'affari). Il Biscione ha chiuso in utile il primo trimestre, anche perché la raccolta pubblicitaria ha iniziato a risalire, segno di una piccola ripresa economica. Ma i corsi economici dell'emittente sono positivi anche, e soprattutto, perché l'azionista di maggioranza, Berlusconi, è ben saldo al governo, come metà imprescindibile delle larghe intese. Un'ottima assicurazione, per Mediaset.

Voglia di Coppi - Dunque, al fronte anti-falchi interno al Pdl, si aggiungono Confalonieri e Pier Silvio. Ma Berlusconi ha richiamato all'ordine chi contro le toghe usa le parole più dure anche per altre ragioni. Non solo Mediaset, insomma. Il Cav ha ascoltato con attenzione le parole - quasi "minacce", si dice - del suo nuovo guru legale, l'avvocato Fausto Coppi, una sorta di ultimatum arrivato dopo gli attacchi per la decisione della Cassazione di anticipare la sentenza. Il succo? Se questo è il modo con cui il Pdl si rapporta ai giudici, potete trovarvi anche un altro avvocato. Un'ipotesi che Berlusconi non vuole prendere nemmeno in considerazione. Motivi politici ed economici, insomma, spingono il Cav a chiudere i falchi in gabbia. Con l'aiuto di Confalonieri e il figlio maggiore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • grooltor

    17 Luglio 2013 - 14:02

    "Mediaset va a gonfie vele anche perché il Cav, di fatto, è al governo". Bene non avevo mai trovato un modo così semplice per spiegare cosa voglia dire CONFLITTO D'INTERESSI. Ma tanto, i vostri aficionados non ci arrivano a capire.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    16 Luglio 2013 - 21:09

    cinque per cento, sei per cento contro il tre per cento...

    Report

    Rispondi

  • UNGHIANERA

    16 Luglio 2013 - 17:05

    Carissimo conterraneo,a nessuno frega niente se Mediaset va a gonfie vele,meglio,vuol dire che i dipendenti di quella azienda hanno il futuro garantito!Pensa invece a quanti miliardi di lire abbiamo sborsato per mantenere la Fiat sempre in nero,cassa integrazione per anni e per migliaia di operai finanziata e messe in conto annualmente come una spesa dello stato,pagata da noi,e le varie rottamazioni con sconti pagati da noi...gli Agnelli erano senatori dello stato,pagati da noi!Loro si che hanno creato fondi neri,pagati da noi,e l'unico che pagò per tutti fu il povero Romiti,te lo ricordi fanfarone?Romiti fu condannato e andò in galera ma,Agnelli non sapeva un caxxo,e fu santificato alla sua morte!Meno male che BERLUSCONI INTERRUPPE questa usanza salvando così la Fiat costringendola a rinnovarsi!Architetto malato di mente dei miei coglioni!

    Report

    Rispondi

  • marino43

    16 Luglio 2013 - 17:05

    E se poi qualcuno vi da dei rincoglioniti imbecilli, magari vi offendete! EHEHEHE....EHEHEHEHE...EHEHEHE...Adesso lo capite a cosa serve restare in politica per il tricotrapiantato? I comunisti non centrano nulla, anche perchè non esistono se non in un numero irrilevante.Per vent'anni ci avete obbligato a mantenere un puttaniere evasore e i suoi amici ladroni in casa altrui e Calderoli resta ancora lì...Anche voi siete corresponsabili dei furti perpetrati giornalmente da questi furbastri.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog