Cerca

Numeri da paura

La Casta ha fatto il pieno
I nostri onorevoli i più ricchi:
primi in Europa, decimi nel mondo

Stipendi da capogiro per i parlamentari italiani: un deputato porta a casa ogni anno 144 mila euro, un lavoratore medio solo 23.400

La Casta ha fatto il pieno 
I nostri onorevoli i più ricchi: 
primi in Europa, decimi nel mondo

La crisi divora le tasche degli italiani, ma non quelle dei parlamentari di casa nostra. Loro guadgnano ben 6 volte in più di un italiano medio e sono i più ricchi d' Europa. La fotografia della casta questa volta la scatta l'Ocse che ha fatto i conti in tasca ai notro onorevoli. I dati raccontano il gap tra stipendi dei cittadini e dei parlamentari in Europa. Per l'Italia c'è subito la pole position: 23.400 euro l'anno è il reddito medio di un cittadino italiano. Quello di un parlamentare ammonta a 144mila euro. I nostri parlamentari sono i più pagati d'Europa. Superando le colonne d'Ercole, i più pagati, in cima alla classifica si trovano in Nigeria e Kenya. Caso a parte quello della Tailandia, dove i rappresentanti del partito al governo sono pagati più di quelli dell'opposizione. I dati Ocse poi mettono sotto osservazione anche gli stipendi di tutti i primi ministri. Il premier più pagato? Su tutti svetta il primo ministro di Singapore, che riceve più di due milioni di dollari: 40 volte più della media dei suoi concittadini. In fondo alla classifica, il primo ministro indiano, che grava sulle casse dello Stato per soli 4mila dollari l'anno.

Nella top ten -  Ma se si va a guardare invece la busta paga dei parlamentari e la si mette sulla bilancia del pil pro capite come fa l'Economist allora il dato italiano diventa ancora più allarmante. L'Italia risulta nelle prime dieci nazioni per proporzione sul pil: un deputato italiano porta a casa uno stipendio lordo mensile che, tra indennità parlamentare, diaria e rimborso di trasporto, supera i 16mila euro: il 60% in più rispetto alle media Ue. Un collega francese prende circa 14mila euro e l'omologo tedesco poco più di 12mila. In cima alla classifica ci sono sempre Nigeria e Kenya. Magra consolazione. Intanto di sicuro i nostri onorevoli con le loro buste paga per le vacanze estive non resteranno a casa. Come invece, purtroppo, faranno circa 8 milioni di italiani. (I.S.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • seve

    17 Luglio 2013 - 11:11

    CORTIGIANI DI RAZZA DANNATA ,QUALE PREZZO COSTASTE ALLA POVERA ITALIA DISSANGUATA.UMILIATA E OFFESA E FORSE ANCHE FALLITA.

    Report

    Rispondi

  • gilucas

    17 Luglio 2013 - 10:10

    nonostante in molti accusino Libero di essere al soldo della politica (del PDL) Libero ci dice che chi ci governa è un farabutto. Quindi noi non li voteremo più. Grazie Libero.

    Report

    Rispondi

  • highlander5649

    17 Luglio 2013 - 10:10

    non come quel *signore* che dorme scomposto a spese altrui! se tutto andasse meglio, tasse, lavoro, pensioni, mercato energia,vale a dire se l'italia fosse un paese normale dove tutti pagano le tasse in quanto le aliquote sono ragionevolmente basse quindi non ci sono i soliti furbi, se tutti avessero un lavoro stabile, se l'energia CE LA PROCURASSIMO IN CASA , abbiamo sole vento e mare , ma non petrolio e pochissimo gas, se questi onorevoli fossero meno della metà allora potemo anche ringraziarli per averi portato a rivivere in una nazione sana , ma ahimè le solite beghe unite a quelle del parlamento ue e le speculazioni ci hanno spinto in alto mare.. e pensare che basterebbe un minimo di buona volontà e decisione possibile che non ci sia nessuno ma proprio nessuno in grado di fare come Ulisse a riportarci alle patrie sponde? come adesso siamo tutti su una specie di titanic e l'iceberg è lì a poca distanza.una manovra sbagliata e...

    Report

    Rispondi

  • arwen

    17 Luglio 2013 - 09:09

    e noi, da bravi pecoroni tutti zitti. tutti a discuter delle tasse da mettereo da togliere. La sx che ci racconta quanto sia assolutamente irragionevole togliere l'IMU per i conti pubblici e la dx che continua a fare le sue manfrine per cercare di raccattare voti. Poi, si scopre che Caino e Abele (dx+sx) invece di scannarsi si stanno dividendo il tesoretto...Complimenti a tutti gli italiani che si sono visti fottere la pensione ma non hanno neanche alzato un dito.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog