Cerca

Estate bollente

Governo, Zanonato: "A ottobre stop a Iva e Imu". Letta va avanti (contro il Pd)

Il ministro dello Sviluppo annuncia novità positive: sul fisco vince il Cav. Premier pressato dal partito: Epifani vuole la testa di Alfano

Enrico Letta

Enrico Letta visto da Benny

Rimpasto e (forse) meno tasse. E' il menù del governo Letta per il prossimo autunno. E se la prima voce risulta indigesta al Pdl, perché nel mirino c'è il ministro degli Interni Angelino Alfano per il caso kazako, la seconda potrebbe far felici tutti, soprattutto Silvio Berlusconi che su Imu e Iva ha impostato la propria campagna elettorale lo scorso febbraio e, poi, la linea guida delle larghe intese. E pare stia vincendo, perché il ministro dello Sviluppo Flavio Zanonato (democratico), ai microfoni del Tg1 annuncia grandi novità: "Penso che all'inizio dell'autunno sarà possibile annunciare che non ci sarà un punto di Iva in più e non ci sarà l'Imu sulla prima casa". Tutto congelato, insomma, in attesa di capire tra un mese come la tassa sulla casa verrà rimodulata. Difficile l'abolizione, più probabile la conferma ma solo per una fetta esigua di contribuenti. E per ora slitta anche l'aumento dell'imposta sul valore aggiunto al 22%: un mancato aumento che costerebbe 2 miliardi per la seconda metà del 2013 e la cui copertura sarebbe garantita dal previsto aumento di produzione industriale e consumi per la fine dell'anno. 

Letta: "Vado avanti" - L'intesa fiscale tra Pd e Pdl potrebbe regalare una tregua estiva al premier Letta. Ma attenzione, perché a scaldare la sua poltrona è proprio il partito di cui è vicesegretario, il Pd. Dopo l'ipotesi di un "tagliando a settembre", il segretario Guglielmo Epifani evoca un esecutivo "piu' forte" e con "un profilo più autorevole". Tradotto: via Alfano. Ma Letta tiene duro, dice ai suoi di voler "andare avanti" e di volersi concentrare sulla attuazione del programma di governo da "elaborare con il massimo coinvolgimento dei gruppi parlamentari". E il ministro per i Rapporti con il Parlamento Dario Franceschini, pure lui del Pd, cerca di spegnere le polemiche smentendo Epifani: "A settembre ci rinforzeremo, ma niente rimpasti".

#mobbasta al Pd - E mentre al Pdl non vanno giù le parole di Epifani ("Mettersi a parlare a luglio di un tagliando o di rimpasto - minaccia Fabrizio Cicchitto - significa sbagliare strada e infilarsi in un vicolo cieco"), è proprio il Pd a cuocere nel proprio brodo. Renzi e i renziani friggono, l'ormai celebre "base" scalpita (OccupyPd ha lanciato su Twitter l'hashtag #mobbasta, da leggere come no ad Alfano e più in generale al Pdl) e i dissidenti Pippo Civati e Laura Puppato (che già si erano detti contrari alla fiducia al capo del Viminale) non mollano la presa su Epifani e Letta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • agostino.vaccara

    21 Luglio 2013 - 13:01

    estremamente dannoso quando era segretario della cgil, ora da segretario del Pd potrebbe essere ancora più dannoso. Non è che lo si dovrebbe, gentilmente, mettere in pensione??? Per quanto riguarda i soliti civato e puppati, ma perchè non se ne vanno da chi è loro affine? In Italia per fortuna o per disgrazia( secondo i punti di vista) non esiste il vincolo di mandato per cui chiunque eletto in una formazione politica ne può scegliere un'altra a lui più gradevole!

    Report

    Rispondi

  • rozanu

    21 Luglio 2013 - 09:09

    Se IMU e aumento IVA sono da abolire a ottobre, perché non subito? Se le coperture economiche non sono stare sinora trovate, perché annunciare ora con rischio di retromarcia? Staremo a vedere. "Timeo Danaos et dona ferentes".

    Report

    Rispondi

  • DrGiovanni

    21 Luglio 2013 - 09:09

    Questi quattro imbroglioni fanno finta di litigare,tanto lo sanno bene che le decisioni vere...quelle che contano, le prendono altri ed altrove. Sono tutti delle tragiche marionette, ma quando tutto scoppierà anche loro saranno ,come tutti, travolti dal disfacimento di questa organizzazione a delinquere che è la Comunità Europea e la sua folle moneta unica. Nel frattempo, hanno collaborato conniventi e servi alla distruzione economica e sociale e ancora più grave della identità e dignità dell' Italia.Ti fanno venire lo schifo di essere Italiano,vivere con paura nel futuro,sognare di fuggire lontano il più lontano possibile da questo triste Paese e da loro ...tutti buffoni senza onore!

    Report

    Rispondi

  • pinux3

    21 Luglio 2013 - 08:08

    Il non aumento dell'IVA l'ha chiesto anche il PD (e non dimentichiamo che il PRIMO aumento dell'IVA è stato deliberato dal GOVERNO BERLUSCONI...), l'IMU verrà "abolita" e sostituita da UN'ALTRA TASSA (pure l'ICI è stata "abolita"...), i comuni devono pure finanaziarsi...Cosa vi credete...

    Report

    Rispondi

blog